Telegramma dei 72 giorni.

Il telegramma fantasmatico della Postina.

Non aveva quel giorno, dopo 72 giorni, la Postina, così come ce l’aveva quella volta alla mano, e  disse solamente “Grazie” il poeta alla postina, che, dopo avergli passato in mano il piego,  se ne stava andando.

Dopo settandue giorni, ritornando, gli aveva recapitato solo quel piego e non  con la Postina tenuta al manico, e allora cosa avrebbe potuto dirle? E quella che, porgendogli il plico, lieve stava in un attimo in una bolla di attesa guardandolo quasi in sospiro, e il poeta niente, nemmeno a guardarla a sbuffo di sfuggita, intento a decodificare la provenienza e la natura del plico. La postina forse gli stava mugugnando: “Dovresti prima pesarla la Postina a mano, o a due mani, dopo 72 giorni, altro che soppesare il piego, coglione, o quantomeno: toccami la mano, deficiente perplesso!”

In effetti, il poeta stava pensando al corollario 6: “La postina, dopo un certo tempo, pare che si nasconda e lo faccia apposta per non portargli la posta. Tra posta e lettere, il poeta in questo lasso di tempo non sa più dove imbucare, anche perché, si dice pensieroso, ma non è che ci sia tanta corrispondenza.”(1) E difatti di corrispondenza non ce n’era proprio, ed ecco perché era arrivata senza la Postina a tracolla, che uno a vederla, ad occhio:” Se la prendo e la soppeso quella è una Postina di 56 chili; se la tengo in braccio io faccio l’Ercole, camminando come se dovessi andare a recapitare la posta, e quella che ha un pondus 38, fossero pollici, davvero? Dovrò guardarla meglio.”

La postina, invece, di suo,le stava frullando in testa quel corollario 8: “Perché non vieni un sabato a mangiare da me, così ci chiudiamo in cucina e vedrai che anch’io prenderò alla lettera tutto ciò che mi farai entrare dall’orecchio, come dice Lacan.”(2) Solo che non sapeva chi cazzo fosse ‘sto Lacan e allora come avrebbe potuto dirglielo, dopo 72 giorni e piuttosto come si fa a dimenticare ognuno le astrazioni dell’altro? Semmai  avrebbe voluto trattenerlo o rinserrare addirittura quello che lui chiama il (-phi) e quantomeno sfiorarglielo a fior di muso, non certo il (-phi) che lei non sa nemmeno leggerlo ma più sostanzialmente quello che, quando lo pensa,e quante volte l’ha fatto in questi 72 giorni, lo chiama, come lo chiamano i quadarari, “nu ‘mbrugliu e minzi”, un chilo e mezzo e quindi altro che libbra di Lacan per l’oggetto “a”, son quasi quattro le libbre che gli soppesa e se le gode quando lo pensa, pensa, stronzo perplesso, quanto fa un chilo e mezzo per 72, ammesso che quella troia abbia tenuto la media, visto il tempo libero, di un chilo e mezzo al giorno!

In alternativa, avrebbe voluto compiere un gesto in qualche modo illecito, quello a cui lei pensa sempre nel suo piacere singolare: avvicinare la mano al (-phi) e soppesarlo, o rinserrarlo, ma come farlo, lì un gesto illecito a cosa sarebbe servito se non c’era la possibilità di farsi fare la consegna a shummulo tra il mare e la ferrovia?

Comunque, gli fece arrivare un telegramma fantasmatico: la sua semplice moltiplicazione: 72 x 1,5=108 chili di (-phi), per una postina di 56 chili, farebbe 6048 chili di carne, di tergo e di cazzo?

Pensate che il poeta perplesso lo abbia ricevuto?

by V.S. Gaudio