▐ Bellmershummulo

anonimadelgaudha rebloggato1910-again

Origine dello shummulo 299 ♦ Bellmershummulo 2
1910-again:

Hans Bellmer, Idée Sur Les Romans 1961
Lo sguardo del fallo
Ogni personaggio che si vede vedersi,in realtà si vede ascoltarsi,la jouissance è come ogni figura femminile di Hans Bellmer, in cui l’oggetto a, che è lo sguardo, è il fallo che, in ogni suo esserci in scena, la sta riempiendo nella misura in cui il significante di deplezione del suo désir la sta simultaneamente vuotando. L’oggetto a, lo sguardo, è come una delle due grandi dimensioni del segno(1),quella in cui può essere letto in sé come una totalità di significazioni, cioè come una essenza o, meglio, come una assenza,poiché il segno,e perciò lo sguardo, l’oggetto a, designa ciò che non è là. E ciò che non è là, in scena, è l’oggetto a, lo sguardo del fallo,ma che non è altrove, altrimenti l’osservatore della scena, cioè lo scrutatore della fotografia, non avrebbe potuto essere in ascolto perché, se immaginare è spiegare un segno, se lo sguardo fosse stato altrove, non ci sarebbe stata nessuna immagine. (1) Cfr.Roland Barthes,Proust et le noms,in :Roland Barthes,Le degré zéro de l’écriture,suivi de Nouveaux essais critiques,Editions du Seuil,Paris 1972 :pag.132. ►da : v.s.gaudio, il terzo senso fotografico. L’immagine seducente, © 2003│

Martin Creed ♦ WorkNo 610 Sick Film

 
Play
Origine dello shummulo 181 ░  Shummulonswarmingmuseumuesum:

Martin Creed

Work No, 610, “Sick Film”, 2006

21 mins (first scene shown here), 1:133 ratio, 35mm film transferred to DVD

 

Lo shummulo doppio e la finestra

Origine dello shummulo e finestra

(…)

derisà më në fund

arrij i ditë

arrij më në fund[22]

a capo d’un lungo giorno

ulem e saj dritare[23]

tranquilla alla sua finestra

in alto e in basso

shummulon[24]

prapa të qelq[25]

di occhi affamati

come i suoi

prej shoh

për t’u treguar

shummuluaka

në kep prej një gjatë ditë[26]

in cui lei disse

a se stessa

a chi altri mai

tempo che la finisca

prej për të shummuluar[27]

seduta alla sua finestra

e quetë të e saj dritareje[28]

di faccia ad altre finestre

tutt’intorno shummulon

in alto e in basso

u shumullarësh[29]

prima che il tempo finisca

do të shumullarë akoma[30]?

All’unisono: eco di “do të shumullarë akoma?”, arresto dello shumullìo, lieve diminuzione della luce.

(…)
▲da: shummulon vs shumullar, “il cobold”

Shummulon vs Shikolon

Origine dello shummulo e …Shikoloz

• [… la mitica Scicolone alla finestra(tirò su la tenda e sedette/ këshu ajò të shumullonte(così che lei potesse sciummuliare, fare la mola), ulem, shumullarka aiò(seduta, oh sta facendo la mola lei)) rappresenta al massimo, shumta, l’oggetto radicale dello “Shummulo” sia costituzionalmente che anagraficamente; addirittura il suo cognome rende speculare lo ShiKoloz, o loShiKolon„ non solo per i vetri della finestra, allo Shummulo: difatti, lo “Shikoloz” o lo “Shikolon” contiene due verbi in Shqip: 1)Shikoj, “guardare”, da cui l’imperativo Shiko, “guarda”, 2)loz, “giocare”, da cui il presente della 3a persona singolare loz, “gioca”, “sta giocando”, ovvero lo Shicoloz, e pertanto lo Shikolon, è la deissi dello Shummulo Loreniano: “Guarda, sta giocando!”

Come se tutto questo non bastasse a fare di Sofia Loren la somatizzazione ideale della Grua nella nostra Stimmung-shqip dello Shummulon, anche il nome dell’attrice condensa e ripropone perennemente il sofianico, il “trascendente che scende”, l’epifania dell’invisibile, la corporalità mioritica di cui a Lucian Blaga, Lo spazio mioritico, trad. it. Edizioni dell’Orso, Alessandria 1994(cfr. anche la nota 18 nel nostro: Aurélia Steiner de Durrës, in : V.S. Gaudio, Aurélia Steiner 2, © 2005 e la nota 7 in : Aurélia Steiner di Durrës: Pikë e Gazi, in: Il limite di Schönberg di Alessandro e V.S.Gaudio, “Lunarionuovo”, nuova serie n.24, Catania ottobre 2007).Un altro percorso etimologico del paradigma “Scicolone” sarebbe questo: da un lato, Shi, che è “pioggia” e dall’altro kolonë, che è “colonna”: Shikolonë, ovvero la “colonna della pioggia”, che sarebbe un altro paradigma dello Shummulo, lo sciumulliamento della mola.

In ogni caso, va ricordato che lo spettatore, il poeta o il lettore che sia, che è invitato a guardare, shiko, è Shikues; l’occhiata o lo sguardo fa shikim.

Se il “gioco” fa “lojë” come il “giocattolo” (l’essere l’oggetto radicale dello Shummulo è essere un giocattolo radicale, una macchina, il giocattolo della mola, o della colonna della pioggia, se si vuole), la contrazione dello Shikolon potrebbe essere lo Shkulon, “strappa”, performativo di chiusura dello Shummulo e dello Shikolon, strofina, bagna, gioca, mola, finchè “strappa”…!] •

 

La bouche ou la blabouche

mianonnadellozen                                                            Fonte: fannylatourlambert.com

Origine dello shummulo orale

Ohlàlà mon Su là mon Suc
Mon Suc de Nectar
L’utérusacqueduc
Le Bélzeboubou le bel je bouche
Qui s’unge qui m’ange
Pour monter seulange
Contre toute piège la langue
Langue pange la peau mange
La bouche ou la blabouche  Belzeblabouche avec Emilio Villa

L’origine dello Shummulo

© timor
© timor

L’origine dello Shummulo

Come per il neologismo beckettiano Rockaby[© 1980: vedi in : Rockaby and other short Pieces, Grove Press, New York 1981], che congiunge il verbo to rock “oscillare”, “dondolare”, “cullare”, “dondolarsi”, ma anche “vibrare”, “far vibrare” al secondo elemento della parola lullaby “ninna nanna”, “cantilena”, “mormorio”, i neologismi shummulon e shumullar congiungono lo shumë albanese del superlativo assoluto “molto” con 1) il sostantivo mulë(=mula) per farsi “shummulon”, cioè terza persona del presente indicativo, “muleggia”, “si fa mula”, ovvero “si fa grande mula”; con 2) il sostantivo mullar(=pietra da mulino) per farsi “shumullar”, cioè sempre come schema verbale il presente di chi “sciumullìa”, come la mola, “fa la mola”, la “grande mola”. Per il neologismo beckettiano, cfr. Samuel Beckett, Le poesie, a cura di G. Frasca, Einaudi, Torino 2006: dondola, pagg.293-294..Per i neologismi shqip, la pulsione del “farsi-mula”(bëhem-Mylle) e la pulsione del “farsi-mola”(bëhem-Mullar), cfr. V.S.Gaudio, Aurélia Myslimane Gurgur, in: V.S.Gaudio, Aurélia Steiner 2, © 2005. Da notare che la “mola”, che c’è in “Shumullar” perciò metonimicamente in “Shummulon”,a guardare bene, o meglio a sentire bene, c’è anche in “rockaby”, in virtù di “rock” che, per essere “macigno” o “masso”, è anche “dondolio”, “oscillare”.La Stimmung-Shqip è, letteralmente, la “Stimmung in albanese”: nello “sc’kip” l’accento cade, di norma, sulla penultima sillaba e , nel verbo, addirittura sull’ultima, formando la caratteristica inflessione tosco-ghega, con l’accento tonico a doppia valenza, che essendo alla base di una evidente “prosortodìa”, una sorta di “inflessione-canto” che ricorda, per certi versi, il dialetto dei tinkers irlandesi, lo shelte(=canto), che è un insieme di latino, gitano, inglese e gaelico, come lo shqip è un insieme di latino, greco, turco, slavo, italiano e francese. D’altronde, se la “Prosortodìa”, per essere tale, ha come perno la “Sindrome di Pinocchio”, e perciò le procedure morfosintattiche non solo di soppressione ma anche di aggiunzione, lo shelte, per essere tale, tra le procedure espressive adotta sostanzialmente la soppressione-aggiunzione completa,che, va da sé, risponde, in morfologia, dei prestiti, dei neologismi, degli arcaismi.

Luce/Dritë

Luce canicolare di agosto col sole al passaggio al meridiano; in verità, essendoci l’ora legale, non vi è ancora arrivato; in compenso, transitano al meridiano Marte, Mercurio e Giove.

All’altro meridiano, quando è seduta, la luce illumina il podice ampio quel tanto da contenere i termini di un lieve “sciummulìo” o ci sia uno spotlight concentrato quando il moto s’arresta o nel centro del podice.

Inizio: 1) il sole che illumina la groppa della donna che è nella postura della mula nell’orto; 2) solo lo spotlight che illumina il podice e la sedia.

Fine: lunga pausa con lo spotlight sul podice; dissolvere la luce dello spotlight; dissolvere la luce sulla sedia. Essendo in postura 1)[=la mula], la Grua avrà il podice disposto verso Est e la testa verso Occidente, tanto che la luce del sole, quasi al meridiano, le sarà obliqua sulla parte sinistra del corpo. Anche nella postura 2)[=sulla sedia], lo spot la illumina da sinistra tanto che si dovrà presupporre che la donna stia guardando verso Ovest e che il visionatore o il poeta stia guardando il suo podice che sciummulìa ad Est; si può variare il quadro con la Grua che non sta seduta ma, inginocchiata sulla sedia, con le mani appoggiate sul davanzale della finestra o sulla spalliera della sedia, in questa postura dello sciummulìo e della mola riproponga parzialmente la postura della Mula.

Donna/Grua

49enne. Normolinea mesomorfa con un indice costituzionale molto alto, più prossimo a 56 che a 53, perciò se è alta 163 cmpeserà attorno ai 60 chili, se è alta 168,169 cmpeserà attorno ai 64 chili. Sul bordo della menopausa verso il tempo dell’essere Mula. Nel bioritmo in cui l’assetto “sanguigno paraflemmatico” è tutto concentrato e demonizzato dal jour critique del ciclo Fisico, essendo gli altri due cicli,Emotivo e Risonanza, nella fase di risalita.

Costume/Kostum

1) Abito estivo giallo, cappello di paglia, mutande di cotone.

2) Gonna grigia corta sopra al ginocchio, calze setificate, scarpe col tacco2 pollici.

Postura/Pozitë

1) Del tutto immobile nella postura della Mula: l’assolutezza anonima dell’immobile luce meridiana rende fulminante la posizione della mula.

2) Seduta alla finestra, la testa si muove verso l’esterno e il podice sulla sedia s’inarca: la dystychia[l’incontro non sigillato, non risolto], prolungando la persistenza del senso, rende “proairetica” la seduta alla finestra, lo “sciumulliamento” della mola, questo vedersi-vista guardandosi il fantasma dell’essere(stata)-Mula.

Le posture della “sentimentale meccanizzata” o della “sanguigna leggera paraflemmatica” in cui, in virtù del demone meridiano, l’esigenza incoercibile d’una pienezza viene giustificata, illustrata, esaltata 1) con lo sfoggiamento del quadrante solare quando fa la mula, shummulon; 2) con lo sciumulliamento delle natiche sulla sedia, quando fa la mola,shumullar.

Sciumullìo/Shumullar

Slight; slow. Regolato dal bioritmo del ciclo Fisico nel giorno in cui si fa oggetto inesorabile e irredento, mola, o bestia radicale, mula.

Voce/Zë

La voce è mano a mano più bassa, ma è anche oscillante, come se fosse regolata dallo scappamento a verga dell’orologio: che, essendo fissata al bilanciere a foliot, come questo oscilla, la verga si muove.

L’”ancora/akoma” della Donna ogni volta mano a mano più bassa come se avesse il punctum doppio del porsi della Grua, sempre placida sia al sole meridiano di agosto che alla sua finestra.

la sfoggiata

G(rua): donna in posizione.

Zë: la sua voce registrata.

Aumento progressivo della luce al meridiano su G in avanscena in postura di podice al pubblico ma lievemente a sinistra, con la testa sull’asse sud-ovest.

Lunga pausa.

G: Akoma.

Pausa. Sciummulìo e voceall’unisono.

finché infine

giunse a mezzogiorno

giunse infine

a capo di un lungo meridiano

in cui disse

a se stessa

a chi altri mai

kohë që të mbarojë[1]

time she stopped

prej shkoj sìpër e poshtë[2]

shummuloj[3]

tutta mula posta nell’orto

in altoe in basso

shummuluaka[4]

sìpër e poshtë

tutt’intorno, gjithë rròtull

in alto e in basso

fino alla curva del giorno

a capo d’un lungo meridiano in cui dire

a se stessa

whom else

time she stopped

kohë që të mbarojë

d’andare su e giù

për të shummuluar[5]

tutt’intorno nell’orto

in cerca di cetrioli

che appena appena come lei

vada su e giù

fino al punto in cui dire

asaj vetë[6]

a chi altri mai

tempo che la finisca

d’andare a raccogliere cetrioli

kapka-trangullë

madheshtore kapka-trangullë[7]

[1] “tempo che la finisca”.

[2] “d’andare su e giù”

[3] E’ il neoverbo della prima coniugazione, è indicato con la prima persona del presente indicativo:“shummuloj”, “sciummulo”,”sto sciummulando”,ovvero “sto facendo la grande mula,muleggio,mulazzeggio”.

[4] “ecco che fa la mula”.

[5] “muleggiare”.

[6] “a se stessa”.

[7] “acchiappa-cetrioli, grandissima,magnifica, piglia-cetrioli”.

da: Shummulon vs Shumullar. La Stimmung-shqip con Samuel Beckett, Rockaby, in:

http://www.ilcobold.it/piazza3/casa-dello-scriba/shummulon-vs-shumullar