Il Kamasutra del Furguwune silano ▌

b76bf-istantanea129-07-201215-10image1

Come per Shummulon vs Shumullar[FLa Stimmung-Shqip con Samuel Beckett, Rockaby], in cui loShumë albanese del superlativo assoluto “molto” veniva congiunto sia al sostantivo mulë(=mula) per farsi “shummulon” sia al sostantivo mullar(=pietra da mulino) per farsi “shumullar”, la Stimmung-Ammašcânte, che è letteralmente la Stimmung in ammašcânte, la lingua nascosta dei quadarari, in questo caso silani e presilani, produce con U Togu du Mârsiânu non lo “sciumullìo” ma ilfurguwune[leggi: furguggûnë ; ma anche: furgugghjûnë], cioè la “masturbazione” che, come inCosmo di Gombrowicz, dove è il ti-ri-ri del Berg, cioè il bembergamento di un berg contro un berg, il berbergamento di un bemberg dove ci si sbemberga e si va a tutta birramberg, nella Stimmung-Ammašcânte, dove in effetti viene formalizzato ventisette anni dopo, come Leo Wojtys in Cosmo, che formalizza il segreto imberbergamento, cioè lo ritualizza e lo esprime ventisette anni dopo l’immagine fulminante, e dove in effetti, come nel Berg di Leo, “i colpi dell’artiglieria sono importanti. E non meno il tocco delle campane”, come si rileva rinvenendo la bocca di fuoco, e la minchia, del cannone di Parrott ma anche, per la posa fotografica della bembergata, l’attesa o lo stato di preghiera affine alla mantide religiosa, del cui tocco di campane riferisce Salvador Dalì in Il mito tragico dell’Angelus di Millet[i].

V.S.Gaudio ■ Il Kamasutra del Furguwune silano

Continua a leggere “Il Kamasutra del Furguwune silano ▌”

Annunci

░ 14 gradi du Liune

tanto è alto stu riguardo

che a 14 gradi du Liune

ti passo e ripasso menz’u culu

prima di intignare improprio

in ‘sta lustra da’ strocca indignata

u justrusu ca è a 14 gradi du picciune

furguwunijo menz’u culu

cugnâvutta e ddrugu ca ‘ncuttunija

caè ‘na cawizza è cawin e chignazzu

rusticu grânnaru varmitta i Parrott

ddrugu ca t’intigna  alla 14 insellata

supr’a cuffa a scecâme aperte

ti minto u ‘mbrogliu e menzu int’u trunânte

santusa mia e marmura t’infarcuno a 40 ‘ndrugate

e doppu ti faccio mintifice int’a pitta ‘e sòsu

scibbiunando a rârica e filice

ca ti fa di sivusu u pinzune da Turra Mellaro

oh marmura mia e murfusuna impacculâta e wenza toga

 

da▐ U Togu du Marsianu ▐ fine.

 

░ Stando così seduta

in seguito stando così seduta

pare che ti alzi in piedi versando

il verde da cammisa colma che raccoglie

il blu con il sapore e ‘u  melu du pilu

e il tatto, l’odore del tuo limo che unisce

e ricollega un intervallo senza misura

questo meridiano pieno di suoni e di alberi

sotto la calda frescura con l’odore d’acqua

e di sudore e di pilu ‘mpracchjato

 

 

da U Togu du Marsianu

░ Se alla curva du culu un taglio

se alla curva du culu un taglio, l’ǔgna

che vicino ari camaggi di mmuscitta chiazze di sperma

l’odore du chignju che versando il segreto doppia

e impracchja verde e azzurro e sapore di pilu

che viene per di più e di già

sott’u jirito schiocca pieno di cianciarusu di vulla

e sapore dello gnomone che è bagnato d’umori e di minchia

 

 

di fronte c’è Torre Mellaro e più in là Cavaliere

in questa altezza di 1405 metri sospesi sopra la minchia

colano sul luogo, sull’erba sperma e miele di femmina

che si immergono nell’azzurro e nel verde

ciascuno fatto di legno e carne, fica e culo

quasi indiscernibili, tanto che il senso si mangia

nella controra e fa eco al suono vento a caso

al prato con la merda di vacca, al legno

bagnato su cui stai seduta forgiando u ddrugu

 

da▐ U Togu du Marsianu

 

 

░ L’azzurro dei cavalcanti

▐ spogliandoti , o semplicemente abbassandoti i jeans, sulla staccionata come del tuo nome che essendo di legno entra nella frescura e rigirandoti in modo che piegata sulla pertica ruotando nell’ombra che di traverso taglia l’orizzonte del culo, così cambiando l’ordine scambiando l’attesa in offerta protesa tanto che la minchia gonfia questa anima del cannone di qua e di là a fondo valle enormi steri ammucchiati di escrementi solidi e scuri sparando bordate di wenza toga sul verde della tua wima questo abbia prima della sera l’ombra piatta del bagnato e l’azzurro dei cavalcanti soffochi tra peli e sborra nella macchia madida che cola o stilla sui bbalbuselli e si spande fino a che arrotondi i tratti obliqui dei trenta gradi prima del tramonto riga che ha succhi, acqua, rami del verde, shcuma di proffia sul legno su cui sfreghi l’odore pieno la scrittura della tua tuféra inzuppata a195e-partcoolio   da▐ U Togu du Marsianu

░ Su questa linea l’orizzonte quasi sutura

qui la siepe su questa linea

del pendio, il tuo podice che tiene

al punto in cui si curva il giunto, u chignju

dove i corpi si mischiano, dove si

articolano e si parlano toccandosi con la

capocchia il buco che va fino al grigio

in cui la camicia verde e i blu jeans

hanno lo stesso inizio

 

 

 

 

 

l’orizzonte quasi sutura o cerniera

dei tuoi jeans in un solo tratto asse

di legno dove la linea del tuo coccige

cavalca filo sottile o confine di pieghe

che più denso dove si fa cavo, cannitu e trunante,

o stretta indicibile o semplicemente lunga

e umida tenendosi all’altra estremità

tra saliva e mucosa luccichio dell’impalcatura

che nel lampo del varco debitamente s’immerge

 

 

da▐ U Togu du Marsianu

 

░ L’attesa o la forma sospesa

 
Cibberne e la forma sospesa

e legando l’attesa o la forma sospesa sopra la linea

del vuoto da un bordo all’altro dell’asse di legno

verso la mano che altro non tocca che u cannitu

‘mpracchjato probabilmente il tatto scivola in questo

gesto così tondo e lubrico tanto che con il sole

alla tua sinistra la linea che fisserà la sera

adesso passa sulle tue cibberne dove la luce getterebbe

il vento se ci fosse (stato) da una punta all’altra dei capezzoli

anche se nella piega sensibile

il gambo curvo dell’ombra drizza

la muscolatura più sugosa du rusticu che

un attimo prima si schiaccia supra ‘u mussu nu’ pocu

supra i zzânnusi e ‘a lingua perfino leggermente

scivolosa e inumidita fibra immersa

prima che il pendio non riversi

tutto piuttosto a sud

 

da▐ U Togu du Marsianu

 

 

 

Furguwune Silano 2 ● Le posture

Immagine

 

Furguwune Silano 2 ● Le posture

by V.S.Gaudio

Le posture di questa infarconata silana sono relative a questa sorta di grammatica che, per le sue regole tra cosmologia, geodetica, bioritmo, rilevatore Aquino e grafico Ebertin, statuisce una esatta sintassi delle posture fantasmabili e fantasmate dai due attanti, anche in tempi reciproci connessi, innescate dalla postura base della seduta di profferta mascherata sul ddrugu della staccionata.

Per la numerazione ci si attiene a quella de Les quarante manières de foutre, dédiées au Clergé de France[1790][xii].

La 14 è quella in cui la minèca, che appoggia ‘a vrigliozza, il ventre, supra ‘u ddrugu drittu, sopra il palo orizzontale, stando con i scecâme aperte se lo fa mintere, mettere, dritto e duro u chignju, ma il poeta per fare un po’ quella che era il“nuoto a rana” della posizione originaria, lo passa menz’u culu allenzato, in mezzo al culo bagnato, navigando e remando in questo affucuso di wenza toga, per come è ‘mpracchjato di cianciarusu u rusticu, il remo.

Perciò è stata chiamata A minèca allusca ‘a Spaccusa e u pueta allippa u ddrugu.

La 30, per la connessione sottaciuta che sta nell’altezza di Botte Donato, 1830 metri, ma anche per la pulsione dei vari cicli del bioritmo, è quella in cui la minèca si mantiene con le strangelle e anche un po’ le ciaffe sulla staccionata e poggia i stâmparelli supra i spalli du pueta ca piglia pi ogni strangella le ginocchia ‘da strocca e chjanta u cavicchju ca’ frica e spinge ‘a carriola. U tiempu è lungu e ‘a carriola va-e-vvene ‘pa Spaccusa tantu ca tra wima, mârsiânu e muccusa chi ‘ncupa a cianciarusu fa culare fra, bbalbuselli, cavalcanti, ddrugu da staccionata e pilu i’ntrocchja e rusticazzu c’anfarcunija, a wenza toga d’amporgiata.

E’ stata chiamata U‘ncupatoriu cu’a carriola.


La 25 , che è un po’ affine alla 14, è quella in cui‘a minèca più che appoggiarsi sul primo palo dello steccato si inginocchia in modo che ‘u culu faccia il meridiano con la barra schipicia: chi fušca fa stafice a stâmparellu e trasa tantu intrârmâ ca lassa a fora sulu i cugliuni; pi frica’ tranquillo fin’u scuru ‘e menzanotte cu ‘a rarica i filice ci si po’mantinire pure ai pallanti, i cibberne grânnâru du picciǔne.

Nel “Foutre du Clergé” questa è più o meno “L’anatra”,nel “Furguwune silano” è U picciune ca vola o è ‘a murfusune‘ndegniata?

La 33 è la postura in cui chi fušca s’assetta isso asupra ‘u primu ddrugu da staccionata, ‘a minèca s’abbassa i cavalcanti e senza togliersi i bbalbuselli s’assetta supra i stâmparelli du pueta volgendogli le spalle; minta a strângella menzu i sticcuse e pizzica ‘a rarica i Gaudio e a minta in posizziǔna, e ccu pisu issa stessa s’infarcona tantu stritta ca quannu u chignju esce afora a ‘mbruna a calato asupra ‘u mârsiânu.

Questa postura così tranquilla sulla montagna non è“La misteriosa” ma è U trunânte ch’ambrunija.

La 34 è quella in cui chi futta fa sedifice e ‘a strocca s’assetta asupr’a issu.

Gli pizzica ‘u rusticu, ‘u furguwunija fino a qundo rigonfio di spirdi cianciarusi alza la capocchia al Medio Cielo.

Su minta int’a fessa e passa i ciaffe atturn’u cullu du pueta, ca li minta sutta i sticcuse e pizzica i chiappe, si tira su e‘amporgia improprio e intr’u tupinaru passijannu e wenzannu cianciarusu in culu, int’a fessa e supr’a strìttuwa.Quannu si stanca, rimitt’a minèca cu’ culu a’ supr’a sbarra da staccionata idduĕra e ripigghja a sparruttijāre ‘ndu culu e d’int’a tufèra tantu ca’ wenza toga‘mpracchja u palu dirittu e ‘u palu sturtu d’a sipāla.

Questa postura mobile è A’ marmura ‘ntignata ‘ncolleparu u ‘ntignaturu.Oppure: Passijanne cuoddru a Gaudio ca parruttija.

La 39, che nel “Foutre du Clergé”, è “la Balia”, qui alla staccionata è fatta come tributo alla camicia verde[xiii] e ai pallanti togu grânnari ‘da strocca silana.

Chi furguwunija minta ‘a minchia indra i cibberne da sântusa e càrnânte e doppu u stringe cu ‘e strangelle in modo che ‘u chignazzu sia tenuto stretto come se fosse ‘inda proffia stritta du picciǔne.

Il togo è ca’ ‘mpippa e frica ca’ stalustra si fa stambruna e quannu u rusticu cupusa

‘u cianciarusu ‘ncupallizzĭrra ca ‘a Marca caè senza parawenza s’allenza ‘a mutria, ‘a ‘ndrappa, ‘u mussu, i minne e pure ‘u cagliu di cavalcanti e ‘a campéstra.

E’ stata denominata I cibberne ca’ncupallizzĭrrano purèparu u justrusu vrušente.

La 40, che è “La Rocambole di Milano”, è qui  ‘U Togu du Mârsiânu, la magnifica spettacolare bellezza del buco, o della luce azzurra, del lampo, che è la “pietra del tuono”, il fulmine, il bagliore ainico, che, per la strettezza indicibile, stringe con una tenerezza assoluta sopra la Spaccusa silana[xiv].

‘A Mârca si minta bella chijcata a supra ‘u ddrugu cu culu ca s’intŏga.

Il poeta le abbassa i cavalcanti e fa patifice muccusa supa ‘u Justrusune (o ‘a Lunata) caè jancusu ‘pa cocciuta janca e purèparu sodo com’a petra du truonu, minta nmenzu e asupra ‘a minchia wenzata ca ‘u spinnu i fušca’ è topu; doppu ca alluma e misura ‘u rïïarmune ‘u minta ind’a posizzione pi jïre ‘ndu culu, fa stafice, fa stavella, aůccia avântepara e aůccia arrĕta,‘a furguwunnija cunnu jirito e quannu senta ca ‘u cianciarusu fa stafice p’aůcciare, ‘u fricaturu esci ddu culu e cchiava int’u cannitu cuccusanno a wenza toga ‘da rarica i Gaudio e wenza toga du picciune, ca tiene u Mârsianu a duòpari, da’ petra du truonu ajnica.

La figura che immobilizza la posa che è alla base del Furguwune è tra il “califourchon”francese, “a cavalcioni”, [di cui, ad esempio,alla 9a de “Il mondo rovesciato”(“’U Rïarmune arra storta”), alla 10a de “Il mondo aperto e rovesciato”, alla 32a,33a, 34a del “Foutre du Clergé de France”, e di cui alla numero 23 “Il capro davanti all’albero”,alla 24 “L’uccello della giungla” e alla 27 “La scimmia gemebonda che abbraccia l’albero” del maestro Tung-hsůan nel “Fang-Pi-Shu”, se non alle ultime 3 posizioni del Fol. 26/10, HNC, “Lo scoiattolo che si succhia i peli”(che è la 7a),“Le scaglie di pesce che si sovrappongono”(che l’8a), “Le gru coi colli uniti”(che è la 9a)] e un “a cavalcioni” del Dasein, che è una variante anche dell’”a cavalcioni” in ginnastica, in cui si sta in appoggio a gambe divaricate e parallele, solo che più che avanti o indietro è un “cavalcioni a fianco”, “a sponda”, “laterale”, come una metonimia, destinazione Heimlich del presente della posa e del futuro della fotografia e del fantasma che“furguwunerà” l’eretismo perpetuo del visionatore, è, in verità, un a cavalcioni dell’eclittica, per come il palo sia obliquo e per come alla fine dell’estate, verso l’equinozio autunnale, essendo la donna seduta dove è più alto, si piega verso il destinatario, che è alla destra della minèca, è il punto ascendente.

Il cavalcioni eclittico che dà fuoco al Furguwune, ruffu ch’alluma ‘a varbotta,come vediamo anche in ‘A trioffa du Rïarmune[xv], finisce con il porsi, in modo davvero Heimlich, a lato e dentro il paradigma leonardesco della Gioconda[xvi], per come questo suo “ruffu ammâšcânte”, il fuoco sotterraneo, sia così percepibile e destinato, così deittico e irredento, e che, non c’è dubbio, come fece Marcel Duchamp, con il suo acronimo, o formula chimica, del “demone fallico”, o del “fuoco al culo”, L.H.O.O.Q.[“Elle a chaud au cul”], anche noi possiamo trovare l’acronimo , o la formula,della libido ‘da Triòffa du Rïarmune che se “Tene ‘u ruffu arru trunânte”[“Tiene il fuoco al culo”] non può che essere TRUTRU[xvii].

 

Che, un po’ risponde al “Ti-ri-ri” di Leo in “Cosmo”di Gombrowicz, che è l’onomatopea del “Berg”, e un po’ richiama ‘u “Ddrugu”(“il palo”,”il bastone”) su cui il nostro attante è seduta, su cui trutru, sta facendo vullara ‘a varbotta‘du trunânte.

Furguwune, d’altronde, in ammâšcânte, tira dentro ‘u cuwu niuru, “il ferro”, “l’attrezzo”, del mestiere(dei calderai) ma anche l‘”Infarcunare”, che è “fušcare”,chiavare, fottere, col “farcune”, il forcone piantato nella terra vangata che, come scrive Dalì, nell’Angelus di Millet è connesso alla carriola e che ha un carattere di sforzo fisico estremo e insormontabile, assolutamente feroce e sproporzionato[xviii].

Il Furguwuneè così questo atto della libido che “infarcunïja” cu cuwu niuru ‘u trunante e tru-tru, sia esso un palo, ‘u ddrugu della palizzata ca’ tene ‘a calliu ‘a trioffa, e sia issu anche il fuoco, ‘u ruffu, caè a’ sutt’a varbotta du trunânte.

Furguwune che si attua da una immobilizzazione fotografica che è la realizzazione patagonistica assoluta e irredenta dell’orbita del sole, l’eclittica: il cavalcioni eclittico è perciò il patagonismo irredente ammâšcânte, in cui l’elemento chiave, che è il ruffu, il fuoco, è la manifestazione terrestre del ruffu che sta in cielo, il sole du Justrùsu vrušènte, quello del 21 luglio, che è la data del poeta a cui è destinato (e da cui è alimentato), e a cui furguwunija ‘a rarica ‘i Parrott ogni qualvolta l’analemmma esponenziale del fantasma passa al Meridiano.

Il TRUTRU , che è la posa irredenta du picciǔne da Sila, è, in qualche modo, la verbalizzazione di questa patafisica( o patachimica?) du cunnu ca varbuttija, tru-tru, tene ‘u ruffu arru trunânte, e ca furguwunïja, “folgora”, fa sparare il “razzo”, furguwune, che tru-tru, sparato da ru cannunazzu ‘i Parrott int’a e ‘collèparu a triòffa du rïarmune èla gioia dello spirito che-come scrive Whitman- è uscito di gabbia e sfreccia come un fulmine[xix], nu’ furguwune: il poeta non è solo questo pianeta che ha e un tempo definito ma avrà migliaia di pianeti, ‘u rïarmune tuttòparu, e tutto il tempo, ca’furguwunïja e ca sburrïja su campi e colline, foglie e fiori delle erbe più comuni, l’umida fresca quiete dei boschi, il profumo squisito della terra all’alba e al tramonto, e per tutto il mattino e il crepuscolo serale.

Tru-tru è il sedersi da’ triòffa du rïarmune chea cavalcioni eclittico, è laposizione originaria del Kamasutra silano: la 14, incui c’è tutta ‘a wenza toga del bonheur sborrato, ca rima tu ca’ rima jo furguwunïja di wenza di ruffu ‘u trunânte, u picciǔne, i mântici, ‘u mussu, ‘i strangelle, ‘i sticcuse du rïarmune tuttòparu, ca’, è il paradigma del Furguwune silano, ‘a petra du truonu[tru-tru,tra-truonu], cae’ ‘u furguwune, la folgore, porta wenza, wenza toga du minchjǔne gruossu ‘i Parrott e wenza toga du mârsiânu strittu ‘da Sila, insillata asup’u ddrugu, iddroga e ittriòffa, di legno e di carne, ‘u ddrugu du Rïarmune, ‘u palu schìpiciu du Rïarmune, l’asse obliquo del mondo.

[xii] NelKamasutra della Mabrucca abbiamo trattato nel capitolo 2 alcune posizioni mabruccche: a seconda del dialetto in uso tra i partner, o i coniugi che dir si voglia, le posizioni possono assumere denominazioni specifiche, ad esempio se nel Fang-Pi-Shuc’è “L’anitra che vola capovolta, nel Kamasutra mabrucco partenopeo potrebbe essere denominata ‘A Ciuccia assettata ‘ncoppa ‘o palommaro: in cui il “palombaro” è il marito che si mette supino con le gambe distese e la ciuccia si diede a cavalcioni sul suo cazzo, rovesciata con la testa rivolta verso i suoi piedi(…), lo Stelo di Giada sarà chiamato ‘O Cazzo, oppure, vista la figura equina, ‘O Battaglio. Perciò, la composizione sarà conclusa dalla sequenza: la ciuccia abbasserà la testa, afferrerà ‘o battaglio del palombaro e si sposterà in modo da metterlo nella sua Fessa, che è il Crepaccio del Cinabro. Parimenti,La Tigre Bianca che salta potrà essere commutata in 1) Á Pulletra ca zumpa o 2) Zumpare accavallo da’ ciuccia”[V.S.Gaudio,Il Kamasutra della Mabrucca, cit.].

Nel Kamasutra del Furguwune silano, la “Misteriosa”, che è la “33”del “Foutre du Clergé” ed è anche Il Capro davanti all’albero[in cui l’uomo si siede a gambe incrociate e fa sedere su di sé la dama in modo che gli volga le spalle, che si può fare pure con l’uomo seduto su una sedia o su un supporto qualsiasi, tanto che la corrispondente posizione partenopea fu chiamata Seggia ‘mbuttita o, se vogliamo esagerare con i rimandi davvero sconvenienti al “Café” in quanto “puttana”, Seggiolino d’o Café], ha avuto la denominazione di Trunante ch’ambrunija, “sedere che fa notte”, poiché tanto è inchiavardato il cazzo nella fica stretta che uscirà fuori solo quando cala la sera, la ‘mbruna, e bisogna, per questo, rientrare in città dalla gita domenicale in Sila.

[xiii]Deddrue trona è il cielo, ed è così che il bagliore ainico funziona a metonimia, essendo qui il cielo l’azzurro dei jeans e la campestra, la campagna verde, che sta in alto, si bagna di sperma come se piovesse sulle “bisacce”piene da marmura[“Mantice”, di etimologia incerta, sembra che possa derivare dal latino “mantica”, che è “bisaccia”].

[xiv] E’davvero Heimlich constatare che questo Mârsiânu, che è la luce folgorante, la pietra del tuono, che è annessa alla libido dei due buchi stretti dell’attante femminile nel Furguwune, che tra azzurro e verde focalizza il campo plutonico del suo bagliore ainico, sia stato annunciato, espresso, in modo radicale e inconfutabile, nel capitolo dell’erotismo, in V.S.Gaudio, Hit Parade dello Zodiaco, Gremese 1991, alla voce Scorpione(che è il segno solare dell’attante femminile):”L’ Eros dello Scorpione è fatale e vulcanico, insaziabile fuoco sotterraneo. Ha la natura di Plutone: affascina andando in profondità come un’ “aggressione” lenta, tempesta estrema dell’abisso(…). Ama organizzare. Vuole coordinare i significanti:(…);la donna Scorpione è mistero sensoriale che diventa lampo folgorante che tutto illumina “[la sottolineatura e il corsivo attengono a questa citazione].E riferendosi a questo eros in un dialogo successivo all’uscita del libro con l’attante femminile del Furguwune, ci fu infine l’ugnâta(l’”aggressione lenta”) della stessa che espresse al poeta la sua gulja folgorante, ‘u mârsiânu’mpracchjato! Che, virtù della macchiae dell’anamorfosi lacaniane, è sta fotografata nel sedersi alla staccionata:parte dal fianco sinistro a ridosso del podice, attraversa il mantice e sul mento sembra che stia colando dalla bocca, i luoghi erotici della pietra do truonu, il bagliore ainico espresso, è il fuoco sotterraneo, la voglia irredenta del Furguwune perpetuo.

[xv] Vedi V.S.Gaudio, ‘A trioffa du rïarmune,©2007, che è il terzo tributo al Marsianu irridintu e togu da Sila.

[xvi] Il paradigma leonardesco comprenderebbe anche la Madonna che sta seduta sulle ginocchia di Sant’Anna, il cartone di Burlington House, in cui il porsi a sedere della Madonna ha lo stesso patagonismo assoluto del sedersi del nostro attante femminile[cfr. nota 3]. Non va sottaciuto che proiettando questa immagine del sedersi del nostro attante femminile alla Spaccusa sulla Madonna dei Palafrenieri di Caravaggio,la pregnanza iconica non solo dei suoi mantici fa un tutt’uno con quella figura[cfr. V.S.Gaudio,La Madonna dei Palafrenieri. Il senso ottuso del decorum, © 2003], specchiandosi ancora in un Heimlich ancora più profondo visto che anche in quel quadro c’è Sant’Anna che, nel calendario ecclesiastico, ha connessioni con un rito di passaggio del nostro attante, e che congiunge le mani quasi come il nostro personaggio del Furguwune(il pollice destro è stretto tra pollice e indice della mano sinistra nel nostro attante; S.Anna stringe l’indice destro tra pollice e indice sinistro), un’intimità liturgica che fa sottentrare una solenne sensualità.

[xvii] Ddrutru, d’altra parte, come variante del “Tru-tru” e del “ti-ri-ri” di Gombrowicz, tira dentro palo e culo, seduta che li connette e li avvicina, uno tocca l’altro; bastone culo, infarcunata del ddrugu int’u trunante.

[xviii] Cfr.Salvador Dalì, op.cit.:pag.113.

[xix] Cfr. Walt Whitman, A Song of Joys, in Calamus, in: Idem, Foglie d’erba, trad.itMondadori, Milano 1991.

 

Il Kamasutra del Furguwune Silano

image002

Il Kamasutra del Furguwune Silano

by  V.S.Gaudio
 
Come per Shummulon vs Shumullar[FLa Stimmung-Shqip con Samuel Beckett, Rockaby], in cui lo Shumë albanese del superlativo assoluto “molto” veniva congiunto sia al sostantivo mulë(=mula) per farsi “shummulon” sia al sostantivo mullar(=pietra da mulino) per farsi “shumullar”, la Stimmung-Ammašcânte, che è letteralmente la Stimmung in ammašcânte, la lingua nascosta dei quadarari, in questo caso silani e presilani, produce con U Togu du Mârsiânu non lo “sciumullìo” ma il furguwune[leggi: furguggûnë ; ma anche: furgugghjûnë], cioè la “masturbazione” che, come in Cosmo di Gombrowicz, dove è il ti-ri-ri del Berg, cioè il bembergamento di un berg contro un berg, il berbergamento di un bemberg dove ci si sbemberga e si va a tutta birramberg, nella Stimmung-Ammašcânte, dove in effetti viene formalizzato ventisette anni dopo, come Leo Wojtys in Cosmo, che formalizza il segreto imberbergamento, cioè lo ritualizza e lo esprime ventisette anni dopo l’immagine fulminante, e dove in effetti, come nel Berg di Leo, “i colpi dell’artiglieria sono importanti. E non meno il tocco delle campane”, come si rileva rinvenendo la bocca di fuoco, e la minchia, del cannone di Parrott ma anche, per la posa fotografica della bembergata, l’attesa o lo stato di preghiera affine alla mantide religiosa, del cui tocco di campane riferisce Salvador Dalì in Il mito tragico dell’Angelus di Millet[i].

 Il linguaggio del Berg è quello fantasmatico degli attanti principali di Cosmo, in cui sembra che si alluda a un fonema yiddish ma che in tedesco significa “montagna”, verità onanistica inquietante considerando il fatto che il furguwune del poeta, che viene semantizzato ventisette anni dopo, avvenga anch’esso in montagna, ovvero la Spaccusa, l’assoluta Spaccusa della Culabria, che come un ululato di lupo solitario non è la lingua del delirio ma l’espressione di un segreto gaudio che fa intravedere il lascivo sibaritismo, mascherato ed esoterico, che ruzza nei Campi Selvaggi della libido, del Berg, appunto; il linguaggio del Furguwune, che è quello del poeta e del personaggio femminile con cui reciprocamente bembergheggia, è quello mascherato e quasi insolente dell’ammašcânte, il gergo dei ramai che ha elementi comuni non solo con il furbesco e con l’argot ma che sostanzialmente ha identici lemmi-tipo sia nel dipignanese che in Lombardia, Trentino, Sardegna, Piemonte, Friuli e Marche, quindi afferisce formalmente e semanticamente a questa lingua nascosta, che viene virtualizzata con connessioni a lemmi tipicamente presilani e cosentini.

Da questo linguaggio della Stimmung il poeta, come ha fatto per il neologismo coniato in shqip per “Shummulon”, ha “furguglionato” una sorta di  minikamasutra, impostato sulla posizione tipo che l’attante femminile ha nella foto dell’attesa col podice sulla barra alta dello steccato, le gambe larghe e i piedi invece convergenti che poggiano su un’altra barra trasversale, e le mani congiunte, in questo arco tra le gambe e lo steccato, in preghiera come la Mantide religiosa e come nell’Angelus di Millet[ii], ma più giù, nell’arco che visualizza il sud della Spaccusa, la sospensione del corpo sullo Spacco della Montagna, il buco, che, anche qui, da questo arco, ha la “luce azzurra” del Marsianu che è il buco ma che ha a che fare con il fanale, il lampeggiatore, la luce azzurra, come spiega nel Dizionario Ammâšcânte-Italiano John Trumper[iii].

L’analemma esponenziale del fantasma del poeta che, ventisette anni dopo, come per Leo Wojtys, ripropone l’assolutezza anonima del fantasma irredento di quella situazione-postura di base, ha connessioni cosmologiche e, se vogliamo, geodetiche[iv], su cui, nella Stimmung, c’è un semplice accenno finale all’altezza del Sole all’epoca della posa da Furguwune (tutte le considerazioni bioritmiche sull’attante femminile, gli altri rilevamenti astronomici e cosmografici sono stati tutti sottaciuti per la figura oggetto della Stimmung che, se espressi, avrebbero in qualche modo rivelato l’identità della stessa intaccando nello stesso tempo la forza pulsione dell’Heimlich)[v]. Perché il Furguwune funziona proprio come dice  Gombrowicz nel suo diario quando parla di Cosmo: “Nell’infinità dei fenomeni che accadono intorno a me, ne isolo uno. (…)Se tale percezione si giustifica( per esempio, ho notato il portacenere perché voglio buttarvi la cenere della sigaretta che sto fumando) tutto è a posto. Se ho scorto il portacenere per caso e non ci ritorno più, anche così va bene tutto. Ma se, dopo aver notato il fenomeno senza nessun preciso scopo, tu ci ritorni sopra, allora sì che è un guaio! Perché ci sei ritornato sopra, se è privo di significato? Ah ah! dunque significava qualcosa per te, dal momento che ci insisti? Ecco come, per il semplice fatto che ti sei concentrato senza motivo per un secondo di troppo sul fenomeno, la cosa comincia a distaccarsi dal resto, a caricarsi di senso…”No, no!”(ti scusi tu) “è solo un portacenere qualsiasi.” “Qualsiasi? E allora perché senti il bisogno di scusarti se davvero è un portacenere qualsiasi?” Ecco come un fenomeno diventa un’ossessione…”[vi] E qui nell’immobilità di una scena, sulla base di corrispondenze, equivalenze, reperti tra la macrofisica delle costellazioni e la microfisica della montagna e dei cumuli di merda degli animali ruminanti, sottentra un determinismo numerico, una sorta di fluttuazione dell’analemma esponenziale che finisce con il radicare l’assolutezza anonima di un oggetto in quanto fantasma irreprimibile, questa alterità radicale e irredente dell’oggetto che con il suo fulgore didonico, questa  petra do truonu , che è l’artificio della sua seduzione, è il luogo di chi ci sfugge, attraverso cui noi sfuggiamo a noi stessi: il Furguwune è la precessione di ciò che proviene da un altro luogo, questa irruzione che, illeggibile, indecifrabile, fortuita, si mette sulle nostre tracce, “è un modo complice – scrive Baudrillard – di scomparsa, è una forma di obbligazione simbolica quella che viene giocata, una forma enigmatica di connessione e di sconnessione”[vii]. Il Furguwune è questa alterità, “una estraneità in fin dei conti inintelligibile, tale è il segreto della forma e della singolarità dell’evento dell’altro”[viii].

“In una giornata radiosa uno si riposa tranquillo in mezzo a cose comuni, quotidiane, che conosce sin dall’infanzia,l’erba, i cespugli, il cane(o il gatto),la sedia,ma solo fin tanto che non avrà capito che ogni oggetto è un gigantesco esercito, uno sciame inesauribile”[ix]: stava seduta su quella staccionata come su un parallelo, o sull’asse dell’orizzonte che da est ad ovest si tendeva sulla Spaccusa, in attesa che il demone fallico passasse al meridiano, il Furguwune questo bagliore ainico “capisce”, e questa luce azzurra è in quello che Kot Jeleńsky – scrivendo a Gombrowicz – chiamò inconscio fisico[x]. L’attante femminile che, in quella posa[xi], si distacca dal resto e si carica tanto di senso che diventa l’oggetto irredento di un mondo frattale di cui non si ha né equazione né sommatoria in nessun luogo se non nell’assolutezza anonima di quel luogo in cui il fenomeno si è distaccato dalla sequenza innocua, innocente e banale di quella domenica in montagna, da quell’immagine fotografica questa sua forma segreta il poeta ricostituisce seguendone i frammenti, le sue linee di frattura, la linea spezzata, da questa incursione nell’inconscio fisico l’analemma esponenziale transita al meridiano del demone fallico, o dell’Angelus, ogni qual volta la libido organizza un mondo, nu’ riarmune, che si fa testo metafisico, come abbiamo detto a proposito del Kamasutra della Mabrucca, ma che è, a questo punto, patafisico,o, meglio, a dirla con Baudrillard, patagonistico. D’altra parte il Furguwune, che organizza il Kamasutra attorno al riarmune patagonico di quel fenomeno temporale immobilizzato dall’attante femminile alla staccionata in montagna , è essenzialmente e assolutamente  patagonistico. Resta solo da dare all’attante femminile la morfologia, l’indice costituzionale e l’indice del pondus che ha come corpo in quell’immobilizzazione irredente alla Spaccusa: una normolinea mesomorfa non più alta di 164 centimetri che, con i mântici che le tendevano la camicia verde quasi lucida di wenza toga[che è questo, acqua, che ‘a petra du truonu, il fulmine,vuole, annuncia e ottiene] ha un seno da indice costituzionale più vicino a 56 che a 53(il massimo e il minimo dell’indice della Normolinea mesomorfa) tanto che dovrebbe essere almeno 93-94 centimetri [9300:163=57; 9400:163=58]. L’indice del pondus –il peso dovrebbe aggirarsi  attorno ai 56,57 chilogrammi- sarebbe tra 15 e 14, ovvero 15 se attiene ai fianchi e 14 se attiene al seno, valori tutti e due compresi nell’indice alto, che va da 20 a 12, forcella che ha valori più elevati se l’indice decresce. Il patagonismo dell’inconscio fisico, avendo l’attante femminile l’indice del pondus uguale a 14, folgora ancora per l’equivalenza che c’è tra il 14 di questo indice e il 14 che è la postura base da cui viene organizzato il Kamasutra del Furguwune silano: oltretutto si capiva che ‘u pueta, parrottjanne e furguwunanne a wenza toga  ‘a petra du truonu menzu ‘u culu avrebbe poi finito con furguwunare anche menzu i cibberne, i mântici ‘da petra du truonu.


[i] Salvador Dalì, Il mito tragico dell’Angelus di Millet, trad. it. Abscondita, Milano  2000.

[ii] Nel quadro di Dalì, “Gala e l’Angelus di Millet precedono l’arrivo delle anamorfosi coniche”(1933,olio su tavola cm 24×19, Ottawa, The National Gallery of Canada), Gala è quasi nella stessa posizione dell’attante femminile alla Spaccusa e tiene le mani che si toccando allo stesso modo del nostro personaggio femminile: c’è in questo sedersi sulla barra, e nel punto più elevato della staccionata, essendo la stessa non lineare ma in evidente stato di obliquità, come se fosse la linea dell’eclittica,lei che non è tanto alta, una intenzionalità concreta e particolare che correla la postura alla carriola,nella cui semantica  ermeneutica ci sono elementi di trazione animale e fantasmi di erezione, come ci ricorda Dalì al punto che la connette, nella sua interpretazione “paranoico-critica”, alla mantide religiosa, che, come ci fa notare Max Jacob, è evocata dalla donna Scorpione(e tale è la nostra mantide silana)”che mangia il maschio dopo l’accoppiamento e talvolta prima(religiose, vestali, amazzoni, donne sudamericane, belle sensuali e impassibili.Donne spagnole:la mantiglia e il convento).Possono anche essere delle madri selvagge dagli occhi saettanti”(Max Jacob, Claude Valence, Specchio d’astrologia, trad. it. Adelphi, Milano 1978:pag.122). Tra mantide  e mantigliareligiosità  e lampo folgorante du picciune guljusu, si rammentano altre culminazioni dell’Angelus del nostro attante femminile che, non a caso, dopo l’ugnâta della tentazione assoluta e incoercibile al concupito poeta si fece vedere nell’incontro successivo con la mantiglia prima che l’attante tentato e unghiato fosse oggetto di un avvelenamento. A corroborare le interpretazioni paranoico-critiche di Dalì e Jacob il rilevamento che una delle 8 famiglie delle mantidi, quella delle imenopodidi, nei colori vivaci ha forti tonalità di rosso e di verde, che si correla integralmente con la camicia verde che contiene i mântici spettacolari del nostro attante alla Spaccusa (fatto più inquietante per il poeta è che questa connessione del colore, che permette la mimetizzazione perfetta sulle piante, o sui pali, su cui riposano mentre aspettano l’arrivo della preda, venga rilevata in una enciclopedia Mondadori degli animali a pagina 141, che -ah, l’inconscio fisico e numerico!- è il grado che connette il Demone fallico, il Bagliore ainico‘U Marsiânu, il Punto dell’Angelus dell’attante femminile con il mezzopunto Mercurio/Plutone, speculare sema diabolico e della libido del poeta!).

[iii] John Trumper, Una lingua nascosta, Sulle orme degli ultimi quadarari calabresi, Rubbettino editore, Soveria Mannelli 1992.

[iv] Vedi V. S.Gaudio, Nostra Signora del Poetto. Una base geodetica del senso ottuso,© 2004.

[v] Per l’esaltazione dell’ebbrezza univoca, implicata dall’ erotica  e implicita nell’amore che si appunta in una sola direzione, che è tipica del codice proairetico del Furguwune, laddove è il gergo che fotte la lingua , e il soggetto amoroso, il corpo parlante, con la sua lingua esclamativa elabora sempre un testo metafisico situazionale se non proprio deittico, vedi: V.S. Gaudio,L’amore ama il dialetto, “Fermenti”, Roma, e il capitolo 1  (Il linguaggio dell’amore, virtù erotiche del dialetto  e principi per il Kamasutra della Mabrucca) di : Idem, Il Kamasutra della Mabrucca [Elogio e pragmatica dell’amore dialettale], © 1997.

[vi] Witold Gombrowicz, Pagine del mio diario nelle quali si parla di Cosmo in appendice a: Idem, Cosmo, trad.it. Feltrinelli,Milano 2004: pagg.206-207.

[vii] Jean Baudrillard, La declinazione delle volontà, in:Idem, La trasparenza del Male, trad. it. Sugarco edizioni, Milano 1991: pag.180.

[viii] Jean Baudrillard, La suite vénitienne, in: Idem, trad.it.cit. :pag.175.

[ix] Witold Gombrowicz, Cosmo, trad. it. cit. : pag. 139.

[x] La lettera di Jeleńsky  è del 19 giugno 1965: cfr. Francesco M. Cataluccio, Il caos del Cosmo, introduzione a Witold Gombrowicz, Cosmo, trad.it. cit.;pag. 6.

 
La patagonistica del Dorfmeister vs Meisterpunkt

[xi] Il sedersi, o il porsi a sedere, della strocca silana ha un parallelo, seppur segreto, essendo per sua natura ammašcante, con il sedersi della Dorfmeister, il mekhala-mukula-michaela, la cinghia-cintura dell’anima e del corpo di Michaela, che è un capolavoro di perfetta “assolutezza anonima” per come faccia vibrare il genere 23 di Barthes, la fermatura[vedi V.S.Gaudio, Das Dorfmeister, Dal nome proprio al nome comune: die Arshbacke Michaela, © 2007]: la patagonistica del Dorfmeister, l’abbiamo visto, ha un indice del pondus che varierebbe tra 11 e 13; la patagonistica del Marsiânu silano avrebbe un indice del pondus che varierebbe tra 14 e 15: entrambi i porsi a sedere hanno in sé il sentimento di sé e l’introversione, la sensibilità agli avvenimenti esteriori e la selvatica chiusura che alludono alla 33 du Clergé de France, come se ci fosse una sorta di congiuntura Heimlich, o misteriosa, appunto, nel porsi a sedere in montagna. I 4 piedi della sedia e il 4 che è la Nemesis, il numero della Nemesis, della sciatrice austriaca e il 4 che non solo è il numero personale del nostro attante femminile(che tra nome e cognome,grado solare e segno fa 31, ovvero 3+1=4) ma è anche, pure per lei,’u picciǔne da Sila, la Nemesis(difatti, dal numero della Vetta che è 1977 si ottiene, addizionando 9 e 7, 40, ovvero 4+0=4) assediano il visionatore, che è, in sanscrito, Sadman, “colui che assiste”, che è sempre metonimicamente contiguo; ma c’è un’altra corrispondenza tra questi sedersi di montagna,l’arco del podice-Dorfmeister, che è la virtù stupefatta e Heimlich della Luna, che è dhanus, nel segno di Dhanus, ossia il Sagittario e l’arco dell’apertura delle gambe del nostro attante Marsianu, stupefatta nel suo sedersi sul palo quasi sospesa(nell’area dell’innalzarsi che è quella del Sagittario) o del sospendersi, che è la virtù irredenta di Marte-Mercurio nel segno di Dhanus, che è il Sagittario, in quadratura, in aspetto di 4 , dunque, con la Luna, dhanus,che ascende sull’eclittica, quindi sulla barra che regge il culo. Il saptadasa, che contiene l’asa del sedile e del deretano, il sadas del seggio, il sad del sedersi e dell’assediare, dava 17 chili di culo per Dorfmeister: cioè 1 chilo a pollice, ma Michaela è alta dieci centimetri più della nostra,ovvero 4 pollici,perciò quanto peserebbe il podice della nostra strocca? La Dorfmeister, ve lo spieghiamo, pesa al momento dell’asana di Saint Moritz 68 chilogrammi, che corrispondono esattamente ai 68 pollici della sua altezza(173 centimetri diviso 2.54 è uguale a 68), perciò il cubito del suo pondus dava 17 chili per 17 pollici di culo; la strocca silana pesa al momento dell’asana sulla staccionata 56 chilogrammi ed essendo alta 163 centimetri è alta esattamente 64 pollici(163:2.54=64), perciò pesa chilogrammi 0.87 per pollice(0.87×64=56), ovvero avrebbe un cubito di 16 x 0.87 = 14 chili di culo. Detto questo, il determinismo numerico sembra che abbia battuto un colpo a vuoto: nemmeno per idea: nella prima, il 17 è la misura fantasmatica della “Pecorina” nel “Foutre du Clergé de France”, che è poi la posizione paradigmatica del bioritmo nel giorno in cui è stato colto il suo “sedersi”(come viene spiegato nel testo citato di V.S.Gaudio); nella seconda, il 14 è la misura fantasmatica della “Minèca alluma ‘a spaccusa e ‘u pueta allippa ‘u ddrugu”, che è poi la posizione paradigmatica del bioritmo del giorno in cui è stato fissato il suo “sedersi” patafisico, o, a questo punto(visto il Berg di Gombrowicz), pataberg,ovvero pataspaccusaru . Bisogna, infine, aggiungere attorno al numero-tarocco della Nemesis del nostro attante che il 40 è il numero del tarocco del Fante di Coppe, che, in un saggio su Pornografia di Gombrowicz[V.S.Gaudio, Feminae semipondus.La semidissertazione su “Pornografia”, © 2007], simbolizza la H di Henia e di Enrichetta, per la versione italiana di Landau, l’adolescente protagonista di Pornografia, che dando sempre 40, che essendo il fante di Coppe è l’adolescente nella sua fase psicofisica di accesso all’onanismo, è quindi il numero del Furguwune silano: avendo questo numero della Nemesis il nostro attante non può che avere questi tributi del Furguwune, da ’u minchiunu ‘i Parrott, che fa il fante di coppe, ovvero ‘u ciaune ciuttellu du cuccu o, ancora meglio, ‘u carcânte ciuttellu du cuccu, ch’ancarca e ‘a futta ‘nta vutta e ‘inta ‘a cucca cu cuccusu riminija rupu a cuccara!

by v.s.gaudio

image002