La posa del doppio anello.

Le cugine.

La photostimmung è puramente illustrativa. Qualsiasi riferimento  alle figure fotografate  è del tutto casuale.

by Jeff Cowen 2002

Le cugine a Castrovillari.

Si dettero in questa posa, o si posero, nella cornice per il piacere singolare del visionatore a cui lo schema verbale del porsi era destinato. Qualcosa come quella doppia bifle di quella seconda domenica di primavera, nell’arco della controra e della bocca insugata, o dell’anello solare, il doppio anello, che rinserrava il Jésuve di Bataille nella dimensione e nel nome dell’Enzuvë, tanto che facendosi schema verbale questo sostantivo-archetipo enzugava l’anello solare raddoppiato dall’archetipologia dell’Heimlich.

Una non sarà nel piacere singolare di Harry Mathews(1): inginocchiata a un confessionale della cattedrale di Siviglia, quella ventunenne che sta dichiarando la sua inveterata abitudine a scuotersi il calibistrix; l’altra non è in una cucina di Christchurch, in Nuova Zelanda, una giovane tra i venticinque e i ventisei anni impegnata a farsi fare la Bifle sul muso e sulla faccia e cercando di afferrare e stringere quella verga dura come il legno e così enzugata.

Nella fotografia in cui si sono incorniciate quel che manca ed è visibile è il (φ) che, trattandosi di una coppia seduta, dove può essere per non essere così mostrato, se non nel doppio anello solare? Possiamo guardarle, come le guarda il visionatore a cui hanno destinato la posa, e dar loro questa didascalia: “Attualmente si trovano a Castrovillari, che, come la Castroville californiana si vanta di essere la “capitale mondiale del carciofo”(2), si vanta di essere la “capitale della cipolla”, e, sedute al tavolo al ristorante, hanno appena finito di pregustare, per tutta la durata del pranzo, la varietà del gaudio di questo ortaggio tra la delizia dell’Enzuvë orale e la letizia spasmodica dell’Enzuvë dell’anello solare, difatti quello che ha reso irredenta la loro doppia apparizione in quella seconda domenica di primavera è il sugo che aveva finito con l’irrumare, insolubile anche all’olfatto, la pelle del muso, della faccia e dello gnomone della controra di quella che non era in una cucina a Christchurch in Nuova Zelanda ma aveva appena finito di mangiare nella sua cucina”.

(1) Harry Mathews, Singular Pleasures, P.O.L. éditeur 1983.

(2)Ibidem.

Domino. Se le cugine fossero in realtà Harley & Domino?

Harley. Se le cugine fossero in realtà Domino & Harley?

Tre tipi di poeti e l’elogio della cozza a mummula.


La legge della cozza ammûmmula
Ci sono tre tipi di poeti: quelli che si fanno la cura di “spungille”, quelli che vanno a “pesce fritto” e quelli che per ritonificare la vena creativa vanno a “cozza ammummula ‘nzalàta”.
Corollari.
1. Quelli che la parola innamorata secondo voi se la devono fare una cura di spungille?
2. E pure quelli, in generale, della Famiglia Raboni, e quelli della famiglia Porta pensate che gli basta una teganata di pesce fritto?
3. Pensate che quegli altri della Famiglia Fortini, come la intendeva Vassalli, pure vanno pazzi per il pesce fritto, e se raccordano sti quattro famiglie con quella di altri Novissimi e degli eredi, fanno riaprire “Pesce Fritto” a Taranto, che quando ne elogiò la pratica Edoardo Raspelli su “La Stampa”,mi pare, dove, nell’altro supplemento settimanale, tenevo la rubrica dei Test, presi l’Intercity Reggio Calabria-Taranto per fare in fretta e “Pesce Fritto” era finito, chiuso!
4. E allora mi venne in mente quella volta a Milano quando passai un pomeriggio intero a far la lode, manco fossi discendente di Ainea, che, italianizzato, è questo il cognome di mia moglie, a Milano, c’era quella primavera lieve, e in un’aiuola accovacciati io e Nadiella Campana a cozza ammummula che uno che passava e ci vedeva ridere in quel modo pur essendo un meneghino dop non avrebbe non potuto pensare che, per darci tutto quel gaudio, per forza a cozza a mummula stavamo alimentando la nostra pulsione orale.
5. A Lacan pure piaceva la cozza a mummula.
6. A Verdiglione la sardalaccia. Non certo la sardicella.
7. A Freud l’insalata delle seppie con tutto il nero.
8. Franco Cavallo, napoletano che poteva farci? Cozze impepate.
9. A proposito di cozze, quando andavo a Taranto, e alla libreria Mondadori che c’era dentro Coin vidi tutte quelle copie incelofanate della mia Hit Parade dello Zodiaco, Gremese 1991, mi vennero in mente le Ricette Immorali di Manuel Vázquez Montalbán, Feltrinelli 1992 , in cui c’era Paola Ruffo di Calabria e i belgi vanno matti per le cozze, e non ti faccio un piacere singolare alla Harry Mathews con la mia conterranea belga che a Taranto andiamo insieme a cozze?
10. Da Taranto una volta mandai una cartolina al mio caporedattore a “La Stampa” che aveva mangiato pesce nel paese dove mi hanno cambiato il nome e lo stato di famiglia ed era stato corrispondente dall’Argentina, un po’ come mio nonno: “I poeti che stanno a casa in famiglia(Raboni, Porta, Famiglia Anceschi, Fortini) non sanno che cos’è la cozza ammumula. Quelli che stanno fuori famiglia e la cozza ammumula non è che la puoi preparare su due piedi e fuori casa, nemmeno la cura di spungille si possono fare.”
11. Nico Orengo, mi pare, una volta mi fece l’elogio della triglia, che piaceva a mia suocera. Ma francamente non ricordo se era già al supplemento dei libri de “La Stampa”. Ma mai a pensare che gustava la triglia a Ventimiglia.
12. Klelia Kostas, che non era poeta e quindi non c’entra con il pesce fritto, e nemmeno con le cozze: Klelia, quante volte abbiamo mangiato insieme, a casa tua e fuori, ma, scusami, ma non ti ho mai visto mangiare pesce, e nemmeno cozze impepate, a Torino, neh?
13. Con la mia amica pittrice di Sanremo e di Baghdad, una sera, con la musica dei Pink Floyd sotto, parlammo delle spungille, altro che sushi.
14. Camillo Pennati secondo voi, visto che il pesce fritto era per Raboni, lui, quando usciva da Einaudi, e quante volte siamo andati insieme in un ristorante femminista a mangiare uova e asparagi bolliti, e poi, sfiniti, di corsa a farci una teganata di calamaretti? E Gavi?
15. Con Roberto Precerutti, quando andavamo a controllare le bozze per L’arzanà a Torre Pellice, forse una volta, passando per Pinerolo o forse è stato quando andammo a Cavour, e io stavo a cazzo con lo stomaco, parlammo del podice di quella che, tempo addietro stavamo pranzando dalle parti di via Cernaia, sì: c’era un ristorante quasi all’angolo con Piazza Solferino, questa si alza e a lui( il poeta della “trappola del sonetto”), che è di fronte al suo tergo, gli resta di traverso in gola una spina di sarda.
16. Paola Pitzianti, che non era poeta, pittrice dei nodi con filo rosso e foglie, era sarda.
17. Mario Grasso, di sicuro, non ha mai fatto la ghiotta con una sola sarda: “Non fari a ghiotta ccu ‘na sarda sula”, la pietanza a base di pesce, e il poeta del golfo di Catania dice che per fare la ghiotta ci vuole pesce di scoglio, altro che sarde. E tira nella rete Giuseppe Biundi, con il vocabolario siciliano-italiano del 1837.
18. Il poeta che cummina na ghiotta usa pesce diverso, e mischia anche mari diversi, vuoi vedere che V.S. Gaudio, quando inventò la Stimmung, la creò, essendo freudiano di sotto e di nome, come se fosse l’azione sintomatica dell’agghiotta, V.S. ca cumminò na ghiotta! Che disastro…
19. Paolo Broussard e il tonno alla calabrese di Pizzo con la cipolla di Tropea, e i cipollari di Castrovillari s’incazzavano.
20. Avrei voluto chiedere a Nadiella Campana, a cui io ho dato il nome “Nadia”, così la chiamavo, e lei si girava: a dicembre, per via di quella luce, ti risulta che Emily Dickinson abbia mai potuto intravvedere il bagliore ainico della cozza ammummula?
21. Per fare l’insalata di cozza ammummula ci vuole la maestria di Marisa Aino.
22. Un poeta senza cozza a mummula è come un poeta della parola innamorata e i lirici nell’antologia di Domenico Cara.
23. Un lirico con poco sale di qualsiasi Famiglia manco a pesce fritto a Rapallo.
24. Franco Verdi e le sarde in saor alla veneta. Quella volta a casa sua a Verona vennero l’esercito, uno dei carabinieri, sette degli ospedali, tra infermiere e medici,qualcuno del corpo forestale e nemmeno un poeta, escluso l
ui e V.S., manco quelli di “Anterem”, più Giorgio Bellini e Silvano Martini di Flavio 

Ermini, e allora del Bianco di Custoza non ne lasciammo nemmeno una bottiglia per Adriano Spatola, che sarebbe passato da Verdi la settimana dopo.

25. Alberto Cappi, mai visto mangiare pesce.
26. Nemmeno Simonetta Molinari, che, non sono sicuro del vitigno, a Valpolicella bisognava starle dietro, e avere il mezzo passo di Hemingway.
27. Una volta andammo al Burghy a Bologna, io, Nadiella Campana e Silvia Zangheri. Ah, quelli del Burghy erano ad hamburger e a patatine fritte. E Coca Cola. E Silvia che disse a Nadia: “Cos’hai fatto alle scarpe? Hai sbagliato tintura del diavolo?”. Aveva le scarpe spaiate, di colore. E a ridere, e, ammiccando a Nadia, dissi a Silvia: “Sì il diavolo c’entra ma è per la cozza a mummula!”