Dall’oggetto flottante magico.La posa del caffè 45

 

LA POSA DEL CAFFE’ E LA PSICANALISI 45.

La semplice corrispondenza temporale tra i fantasmi fallici e la cuginanza, è qualcosa che colma di delizia infinita il (-phi) del poeta-visionatore: si disse, nella Posa 31[i], che non è più questione di posizioni definite, tutto si fa improvvisamente leggibile, e pertanto: godibile, in una visione senza commento, in cui non c’è nessuna idea di finalità, come uno haiku che non serve a nessuno, è semplicemente un piacere singolare, nella posa del caffè 31, l’oggetto flottante magico andava fottuto, soltanto per fotterlo, e si pensava alle tre forme di Simone, in cui le altre cugine erano destinate al munus, dono o servizio che fosse e che sia, riferibile, nella posa del caffè che si dispiega dal solstizio dell’inverno, allacciata ai giorni critici dei cicli del bioritmo di Simone, a Simone, che è questa, è così, è tale, con quel tocco così istantaneo e così breve, che non ha oscillazioni e riprese, come la cugina di questa posa, che è lei adesso, più di Simone, ma sempre nell’alone di Simone, come d’altra parte, nella stessa posa fotografica(…)

[i] Cfr. La posa del caffè e la psicanalisi 31, pingapa/2016-03.

Prossimamente su pingapa

Annunci

La Postina a braccio e il Poeta senza cappuccio.

Linea Postina Medium Zagara bag. Zanellato

La Postina a braccio e il Poeta-Ercole senza cappuccio █

“A spedirlo a pieghi di libri tutto il contenuto di una Postina, così come ce l’hai oggi a braccio, chissà quanto costerebbe?” – disse il poeta alla postina, che se ne stava andando.

E che, dopo sette giorni, ritornando, gli recapitò la cartolina con la Postina al braccio: “Dovresti prima pesarla la Postina sulle tue braccia, devi fare la bilancia o Ercole che sei ancora così magro!”.

Quando ritornò ancora la settimana dopo, il poeta a vederla ancora con la borsa al braccio così piena e bilanciata : “Ad occhio, vista così a braccio è una Postina di 56 chili. A braccio hai un pondus da Ercole, che a numero faceva 34”

Passarono due settimane ancora e gli recapitò un’altra cartolina con la Postina al braccio : “Sai quanti plichi ci vogliono per 56 chili? E quanti ne vorrai imbucare? 34? E tutti in una sola buca o due o tre? Volendo si può inoltrare anche a mano, dopo che hai riempito le tre buche ”.

Passò forse un ciclo lunare e, rivedendola con la Postina al braccio,  il poeta le disse:”Se ne dovrò imbucare 56 da un chilo ognuno, se faccio l’Ercole della 34  posso imbucare in due buche e poi  porto la Postina a braccio così puoi sederti a bere qualcosa. Sempre se non piove. Altrimenti, se ti bagni troppo, e non hai il trench-coat, ti do io un cappuccio” .

La settimana dopo, lei arrivò sorridente e gli recapitò un’altra cartolina con una Postwoman col trench-coat e gli stivali per la pioggia: “L’altra volta mi sono inzuppata e abbiamo dimenticato il cappuccio. Che, poi, in testa a cosa sarebbe servito? Ma tu se dovessi recapitare lo faresti meglio con gli stivali di gomma o il trench-coat?│! v.s.gaudio

 

 

Tre tipi di poeti e l’elogio della cozza a mummula.


La legge della cozza ammûmmula
Ci sono tre tipi di poeti: quelli che si fanno la cura di “spungille”, quelli che vanno a “pesce fritto” e quelli che per ritonificare la vena creativa vanno a “cozza ammummula ‘nzalàta”.
Corollari.
1. Quelli che la parola innamorata secondo voi se la devono fare una cura di spungille?
2. E pure quelli, in generale, della Famiglia Raboni, e quelli della famiglia Porta pensate che gli basta una teganata di pesce fritto?
3. Pensate che quegli altri della Famiglia Fortini, come la intendeva Vassalli, pure vanno pazzi per il pesce fritto, e se raccordano sti quattro famiglie con quella di altri Novissimi e degli eredi, fanno riaprire “Pesce Fritto” a Taranto, che quando ne elogiò la pratica Edoardo Raspelli su “La Stampa”,mi pare, dove, nell’altro supplemento settimanale, tenevo la rubrica dei Test, presi l’Intercity Reggio Calabria-Taranto per fare in fretta e “Pesce Fritto” era finito, chiuso!
4. E allora mi venne in mente quella volta a Milano quando passai un pomeriggio intero a far la lode, manco fossi discendente di Ainea, che, italianizzato, è questo il cognome di mia moglie, a Milano, c’era quella primavera lieve, e in un’aiuola accovacciati io e Nadiella Campana a cozza ammummula che uno che passava e ci vedeva ridere in quel modo pur essendo un meneghino dop non avrebbe non potuto pensare che, per darci tutto quel gaudio, per forza a cozza a mummula stavamo alimentando la nostra pulsione orale.
5. A Lacan pure piaceva la cozza a mummula.
6. A Verdiglione la sardalaccia. Non certo la sardicella.
7. A Freud l’insalata delle seppie con tutto il nero.
8. Franco Cavallo, napoletano che poteva farci? Cozze impepate.
9. A proposito di cozze, quando andavo a Taranto, e alla libreria Mondadori che c’era dentro Coin vidi tutte quelle copie incelofanate della mia Hit Parade dello Zodiaco, Gremese 1991, mi vennero in mente le Ricette Immorali di Manuel Vázquez Montalbán, Feltrinelli 1992 , in cui c’era Paola Ruffo di Calabria e i belgi vanno matti per le cozze, e non ti faccio un piacere singolare alla Harry Mathews con la mia conterranea belga che a Taranto andiamo insieme a cozze?
10. Da Taranto una volta mandai una cartolina al mio caporedattore a “La Stampa” che aveva mangiato pesce nel paese dove mi hanno cambiato il nome e lo stato di famiglia ed era stato corrispondente dall’Argentina, un po’ come mio nonno: “I poeti che stanno a casa in famiglia(Raboni, Porta, Famiglia Anceschi, Fortini) non sanno che cos’è la cozza ammumula. Quelli che stanno fuori famiglia e la cozza ammumula non è che la puoi preparare su due piedi e fuori casa, nemmeno la cura di spungille si possono fare.”
11. Nico Orengo, mi pare, una volta mi fece l’elogio della triglia, che piaceva a mia suocera. Ma francamente non ricordo se era già al supplemento dei libri de “La Stampa”. Ma mai a pensare che gustava la triglia a Ventimiglia.
12. Klelia Kostas, che non era poeta e quindi non c’entra con il pesce fritto, e nemmeno con le cozze: Klelia, quante volte abbiamo mangiato insieme, a casa tua e fuori, ma, scusami, ma non ti ho mai visto mangiare pesce, e nemmeno cozze impepate, a Torino, neh?
13. Con la mia amica pittrice di Sanremo e di Baghdad, una sera, con la musica dei Pink Floyd sotto, parlammo delle spungille, altro che sushi.
14. Camillo Pennati secondo voi, visto che il pesce fritto era per Raboni, lui, quando usciva da Einaudi, e quante volte siamo andati insieme in un ristorante femminista a mangiare uova e asparagi bolliti, e poi, sfiniti, di corsa a farci una teganata di calamaretti? E Gavi?
15. Con Roberto Precerutti, quando andavamo a controllare le bozze per L’arzanà a Torre Pellice, forse una volta, passando per Pinerolo o forse è stato quando andammo a Cavour, e io stavo a cazzo con lo stomaco, parlammo del podice di quella che, tempo addietro stavamo pranzando dalle parti di via Cernaia, sì: c’era un ristorante quasi all’angolo con Piazza Solferino, questa si alza e a lui( il poeta della “trappola del sonetto”), che è di fronte al suo tergo, gli resta di traverso in gola una spina di sarda.
16. Paola Pitzianti, che non era poeta, pittrice dei nodi con filo rosso e foglie, era sarda.
17. Mario Grasso, di sicuro, non ha mai fatto la ghiotta con una sola sarda: “Non fari a ghiotta ccu ‘na sarda sula”, la pietanza a base di pesce, e il poeta del golfo di Catania dice che per fare la ghiotta ci vuole pesce di scoglio, altro che sarde. E tira nella rete Giuseppe Biundi, con il vocabolario siciliano-italiano del 1837.
18. Il poeta che cummina na ghiotta usa pesce diverso, e mischia anche mari diversi, vuoi vedere che V.S. Gaudio, quando inventò la Stimmung, la creò, essendo freudiano di sotto e di nome, come se fosse l’azione sintomatica dell’agghiotta, V.S. ca cumminò na ghiotta! Che disastro…
19. Paolo Broussard e il tonno alla calabrese di Pizzo con la cipolla di Tropea, e i cipollari di Castrovillari s’incazzavano.
20. Avrei voluto chiedere a Nadiella Campana, a cui io ho dato il nome “Nadia”, così la chiamavo, e lei si girava: a dicembre, per via di quella luce, ti risulta che Emily Dickinson abbia mai potuto intravvedere il bagliore ainico della cozza ammummula?
21. Per fare l’insalata di cozza ammummula ci vuole la maestria di Marisa Aino.
22. Un poeta senza cozza a mummula è come un poeta della parola innamorata e i lirici nell’antologia di Domenico Cara.
23. Un lirico con poco sale di qualsiasi Famiglia manco a pesce fritto a Rapallo.
24. Franco Verdi e le sarde in saor alla veneta. Quella volta a casa sua a Verona vennero l’esercito, uno dei carabinieri, sette degli ospedali, tra infermiere e medici,qualcuno del corpo forestale e nemmeno un poeta, escluso l
ui e V.S., manco quelli di “Anterem”, più Giorgio Bellini e Silvano Martini di Flavio 

Ermini, e allora del Bianco di Custoza non ne lasciammo nemmeno una bottiglia per Adriano Spatola, che sarebbe passato da Verdi la settimana dopo.

25. Alberto Cappi, mai visto mangiare pesce.
26. Nemmeno Simonetta Molinari, che, non sono sicuro del vitigno, a Valpolicella bisognava starle dietro, e avere il mezzo passo di Hemingway.
27. Una volta andammo al Burghy a Bologna, io, Nadiella Campana e Silvia Zangheri. Ah, quelli del Burghy erano ad hamburger e a patatine fritte. E Coca Cola. E Silvia che disse a Nadia: “Cos’hai fatto alle scarpe? Hai sbagliato tintura del diavolo?”. Aveva le scarpe spaiate, di colore. E a ridere, e, ammiccando a Nadia, dissi a Silvia: “Sì il diavolo c’entra ma è per la cozza a mummula!”

│La legge della cuoca e i corollari con la postina │2

image002La legge della cuoca e i corollari con la postina.

con le illustrazioni tratte dal fumetto di Louis Retif e Florenci Clavé│Il signor Paulo maestro di desiderio, edizioni del grifo 1993

│La legge della cuoca di Molière

I poeti, come Molière, usano leggere alla cuoca le proprie poesie appena scritte, per vedere che impressione fanno su una mente semplice.

│Corollari

  1. V.S. Gaudio, che non ha una cuoca, le legge alla postina quando viene a giorni alterni: lei, come la cuoca di Molière, è allo stesso modo digiuna di lettere, difatti porta sempre pieghi di libri e bollette.
  2. Le Stimmung un po’ lunghe, se la postina ha da consegnare altra posta, il poeta gliele legge a giorni alterni, e a volte per finirla ci vuole tutta la settimana, e certe volte lei si fa sostituire.
  3. Se la postina, alla fine della lettura, si mette a ridere, il poeta non sa se prenderla alla lettera, la guarda irritato e le dice: “Ma oggi per me niente posta?”
  4. Se la postina, alla fine della lettura, si mette a sedere, il poeta capisce che oggi si è stancata della posta, e allora non le chiede se oggi per lui non c’è posta.image002
  5. A volte, la postina se le fa leggere per strada, e così gli ripete spesso: “Non ho capito l’ultima parola”, e lui rilegge il verso, e poi passa un’altra macchina e lei dice che non ha capito, potresti gridare un po’? E lui infine s’incazza e le urla: ma non hai altra posta da consegnare? Poi passa un treno merci, e lei gli fa il gesto che finisce di fare il giro e poi riprendiamo, d’accordo, torno apposta? Il poeta non capisce e le chiede prima che riparta se oggi per lui non c’è posta.
  6. La postina, dopo un certo tempo, pare che si nasconda e lo faccia apposta per non portargli la posta. Tra posta e lettere, il poeta in questo lasso di tempo non sa più dove imbucare, anche perché, si dice pensieroso, ma non è che ci sia tanta corrispondenza.
  7. Un giorno il poeta chiese alla postina se sapesse cucinare e lei gli rispose: certo, sì, vuoi che ti inviti a pranzo un giorno? No, è che la cuoca di Molière e anche quella di Kant sapevano dare le risposte giuste, e allora com’è che non prendi mai la mia poesia alla lettera?
  8. Perché non vieni un sabato a mangiare da me, così ci chiudiamo in cucina e vedrai che anch’io prenderò alla lettera tutto ciò che mi farai entrare dall’orecchio, come dice Lacan.
  9. Il poeta, in cucina, vide che, per il burro, usava la ‘nzugna e allora dedusse che come borsa, anziché quella dell’”Ultimo tango a Parigi”della Zanellato, non potesse che avere la Bridge in cuoio.
  10. A lettera imbucata,pensando alla ‘nzugna usata in cucina, il poeta si accorse di non averla sigillata, e disse alla postina se me la incolli tu o me la porti di nascosto nella tua bella borsa che tanto inzugni.image001

La legge della cuoca di Molière e i corollari con la postina.

La legge della cuoca di Molière

I poeti, come Molière, usano leggere alla cuoca le proprie poesie appena scritte, per vedere che impressione fanno su una mente semplice.

Borsa “Postina” – The Bridge

borsa postina the bridge

Corollari
  1. V.S. Gaudio, che non ha una cuoca, le legge alla postina quando viene a giorni alterni: lei, come la cuoca di Molière, è allo stesso modo digiuna di lettere, difatti porta sempre pieghi di libri e bollette.
  2. Le Stimmung un po’ lunghe, se la postina ha da consegnare altra posta, il poeta gliele legge a giorni alterni, e a volte per finirla ci vuole tutta la settimana, e certe volte lei si fa sostituire.
  3. Se la postina, alla fine della lettura, si mette a ridere, il poeta non sa se prenderla alla lettera, la guarda irritato e le dice: “Ma oggi per me niente posta?”
  4. Se la postina, alla fine della lettura, si mette a sedere, il poeta capisce che oggi si è stancata della posta, e allora non le chiede se oggi per lui non c’è posta.
  5. A volte, la postina se le fa leggere per strada, e così gli ripete spesso: “Non ho capito l’ultima parola”, e lui rilegge il verso, e poi passa un’altra macchina e lei dice che non ha capito, potresti gridare un po’? E lui infine s’incazza e le urla: ma non hai altra posta da consegnare? Poi passa un treno merci, e lei gli fa il gesto che finisce di fare il giro e poi riprendiamo, d’accordo, torno apposta? Il poeta non capisce e le chiede prima che riparta se oggi per lui non c’è posta.
  6. La postina, dopo un certo tempo, pare che si nasconda e lo faccia apposta per non portargli la posta. Tra posta e lettere, il poeta in questo lasso di tempo non sa più dove imbucare, anche perché, si dice pensieroso, ma non è che ci sia tanta corrispondenza.
  7. Un giorno il poeta chiese alla postina se sapesse cucinare e lei gli rispose: certo, sì, vuoi che ti inviti a pranzo un giorno? No, è che la cuoca di Molière e anche quella di Kant sapevano dare le risposte giuste, e allora com’è che non prendi mai la mia poesia alla lettera?
  8. Perché non vieni un sabato a mangiare da me, così ci chiudiamo in cucina e vedrai che anch’io prenderò alla lettera tutto ciò che mi farai entrare dall’orecchio, come dice Lacan.
  9. Il poeta, in cucina, vide che, per il burro, usava la ‘nzugna e allora dedusse che come borsa, anziché quella dell’”Ultimo tango a Parigi”della Zanellato, non potesse che avere la Bridge in cuoio.
  10. A lettera imbucata,pensando alla ‘nzugna usata in cucina, il poeta si accorse di non averla sigillata, e disse alla postina se me la incolli tu o me la porti di nascosto nella tua bella borsa che tanto inzugni.

I NUOVI OGGETTI D’AMORE ▬ V.S.Gaudio

SHUMILLA;YUKIKO;AUBERGINE NELSON;AURELIA MAZZACANE;QUEL PRODIGIOSO FENOTIPO CANAVESE;TAMARA TAYLOR/CAMILLE SAROYAN;JULIE GAYET;KRISTIN LEHMAN/ANGIE FLYNN;LAURA MORANTE/BIANCA…

Leggili su Uh Magazine

Idrusa Plousia ░ La Zacchinetta utrantina

Idrusa Plousia e la Zacchinetta utrantina

 

Gli dico il nome: Plousia Mekuón.

Lo scrivo su un foglio bianco e glielo do.

Lo decifra lentamente, poi mi guarda per

sapere se lo ha letto in modo corretto.

Io non dico niente.

Lui ripete il nome.

Poi getta il foglio, viene vicino a me

e mi guarda e mi parla col nome.

 

Lui solleva la sua veste con cura. Dispone

d’un tempo lunghissimo, si direbbe.

Comincia a scoprire il corpo di Plousia Mekuón.

Talvolta dice il nome tutto intero.

Talvolta solo il nome.

Talvolta solo il cognome.

Lo dice nei baci, le labbra contro la pelle,

lo dice a voce bassa, lo grida, la chiama

all’interno del corpo, contro la bocca, contro

il muro. Egli dice:

Saracina, Plousia Mulacchiona, Musulmana Mekuón, Musulmana Plousia Mekuón, Idrusa Plousia, Μεσκυλα[i],  Idrusa Mekuón, Ιδροθαύμα, Ιδροπετρα, Βρεγμέναπετρα[ii], Zacchinetta utrantina[iii], Μηχανή-εις-Νερό[iv], Zobeida saracina, Δύτιά [v],Λίποςλιθος[vi], Πλωτιάσκύλά[vii] .

 

[i]Cagna di mezzo, cagna del mezzogiorno”.

[ii] Rispettivamente:”Idromeraviglia”,”Idropietra”,”Pietra bagnata”.

[iii] Nella “Zacchinetta d’Utrànto”, la “lanzichenecca saracena”, la briccona tuffatrice è Plousia Mekuón che tiene sempre banco e la somma che intende arrischiare è sempre in dracme: il marinaio o il poeta che sta alla sua destra ha facoltà di scommettere tutta la somma annunziata dalla tuffatrice, di scommetterne una parte o di passare. Quand’egli dichiara “tengo tutto” il giuoco è fatto; ma quando non copre che una parte della scommessa, il giuoco non è fatto se prima o successivamente gli altri giocatori, marinai o poeti che siano, non completano la copertura della somma annunziata da Plousia. La carta che Plousia scopre sempre è la 23, l’arcano del Re di Bastoni; la carta dei puntatori è quella corrispondente al numero fatidico del nome di ognuno, le cui lettere vengono denumerate con l’Alfabeto dei Rosa-Croce. Davanti a sé, Plousia Mekuón, vestita di corsaletto e di morione o solo col costume rosso, una a una, scopre una, due, tre carte,ecc. fino a che non ne scopra una eguale alla sua o a quella dei puntatori. Nel primo caso guadagna e si tuffa nella mar d’Utrànto; nel secondo perde, e i puntatori si dividono le spoglie del banco in proporzione alla quota coperta, e Plousia dovrà fare la tuffatrice tante volte quanto stabilito in correlazione alla posta in gioco. Plousia ha diritto di porre il banco all’incanto fino a tanto che non perde e fa tuffi; chi lo compra acquista i diritti a vedere Plousia per 23 o 74 secondi nella posa sospesa del disporsi al tuffo, la posizione Zacchinetta, a gambe unite si solleva sulla punta dei piedi, dispone a 90° il tronco del corpo e fa volteggiare le braccia aperte e distese: tra la “pecorina” e l’”anatra che vola capovolta”, questo disporsi specchia la posizione 17 del “Foutre du Clergé” e la posizione 12 del maestro Tung-hsǜan, ma della prima, in cui avrebbe dovuto essere in ginocchio, cioè far passare da j(da G latino) a š tanto che “ginocchio” possa essere “scinucchiu”,adotta solo l’angolo a 90° tra podice e gambe. E della seconda, in cui avrebbe dovuto sedersi a cavalcioni sul poeta ma con la testa rivolta verso i propri piedi, mette in atto il volo, lo svolazzamento, con le braccia spiegate prima del  tuffarsi del corpo, nella forma sostitutiva all’infinito preceduta da cu : “ojju cu mar”,”voglio che mare”, e cioè “voglio immergermi nel mare”: O mar, Idrusa mulacchiona, ‘mpalata sull’arco do’ u culu, cull’occhiu sale e scenne s’ennamora, o mar s’è riturnata a zacchinetta sfrega la conàcchia de Plueusia, s’è ripescato occuore, s’è tenuto nascosto tant’ammore, ‘na pietra, ‘nu ptlepore s’è accanito stamattina, umass supraucuezz che turna turna scenne s’arriposa, lu bujore de prendere la luna a zacchinetta. Eras tú amor, destino, final amor lucente, eras ave, eras cuerpo alma sólo; ah, tu carne traslúcida besaba como dos alas tibias, como el aire que mueve un pecho respirando y sentí tus palabras, tu perfume, y en al elma profunda diste fondo, calado de ti hasta el tuétano de la luz.

[iv] “Macchina ad acqua”.

[v]Tuffatrice”.

[vi]Pietraunta”.

[vii]Cagna galleggiante, navigabile”.

 

Da: Plousia Mekuón, la Mulacchiona d’Utrànto│© 2009

 

http://it.paperblog.com/blue-amorosi-il-cielo-e-sempre-piu-blu-e-la-mulacchiona-d-utranto-1489690/

 

Susanna Schimperna e l’insano testo di V.S.Gaudio │”Blue”n.72

Dimmi come tocchi e ti dirò chi sei
Susanna Schimperna, “L’insano testo”, ricerche su supporti letterari, in “Blue” n.72, Roma 1997
Blue n.72 cover con novità in libreria: Manualetto della Mano Morta di V.S.Gaudio │Scipioni Bootleg

LE MANI DI INGRID BERGMAN│

image002

Le Mani di Ingrid Bergman

by V.S.Gaudio

La pelle mudronica di Ingrid Bergman  è anche quella delle mani, tra viso, sguardo e mani c’è quella certa visibilità del segreto geografico , che è il supplemento patagonistico. Che, badate bene, non è nell’ordine dell’enunciabile o della norma che attiene ai caratteri primari della tipologia geoterritoriale di provenienza, per questo ne parliamo solo adesso: questo annientamento stesso della longitudine e della latitudine in una assenza somatica di cui il corpo non può fare altro – oltre che stancarsi di non sapere dove sia – che contenere, immobilizzarla finanche in una fotografia, questa qualità che gli appartiene. Sto dicendo che, come dice Barthes, “il corpo totale è fuori del linguaggio, alla scrittura arrivano solo pezzetti di corpo; per far vedere un corpo bisogna o spostarlo, rifrangerlo nella metonimia del suo vestire, o ridurlo a una delle sue parti”[i], e se il monaco Severine trova a Justine una “decisa superiorità del taglio delle natiche, un calore, una strettezza indicibile dell’ano”[ii], il poeta, che espatria il linguaggio in tavole che hanno paura di significare, trova che, adesso che si fa visionatore di queste mani, che le mani patagonistiche di Ingrid Bergman fossero, o sono?, come “un ologramma dolce alla vista e al tatto, privo di resistenza, e quindi propizio ad essere striato in tutti i sensi dal desiderio come uno spazio aereo”[iii]: da questo eccesso, che è uno spostamento circospetto, e che potrà avere anche la circonvoluzione di una passione, il poeta cosa ricava? Fosse stato un viaggio, come quello fatto insieme alla ragazza di Göteborg, tra metamorfosi e anamorfosi della Terra, in relazione all’altro, allora tra la 40^ Rivoluzione Solare del poeta  e la 20^ Rivoluzione Solare della ragazza, tanto che lo spostamento libera il sesso e la cultura, quel viaggio orbitale in treno, vettoriale, che giocava col tempo, nella versatilità delle latitudini e delle longitudini, e sfuggiva all’ illusione dell’intimità[iv]; invece, qui, nella fotografia, il corpo ritrova il suo sguardo, liberato dalle immagini, quelle del cinema, ritrova l’immaginazione del visionatore e le mani dell’attante-attrice, questo stato del suo esserci in nostra assenza, ed è questa sorpresa e sorprendente immanità, questa consistenza oggettiva, questo trasporto oggettivo, quasi un afferrare come schema verbale o piuttosto un carezzare e stringere, che è speculare all’individualità morbida del linguaggio: come il corpo patagoni stico, le mani patagonistiche hanno questa consistenza in sé, un turgore umido, un godimento oggettivo, che è l’apparenza, in tutta la sua delicata patafisica, così a lungo tenuta in sé o stretta, anche nell’in sé dell’altrove dell’attante, da dove proviene, dal suo proprio luogo, dal cuore della sua banalità, dal cuore della sua oggettualità, fa irruzione da tutte le parti, moltiplicandosi con gaudio da se stessa, colto direttamente, colmo del godimento lento e spostato di grado in grado, di parallelo in parallelo, di tempo in tempo, intriso di quel gaudio in cui si è presa o che ha preso con quelle mani, quasi bagnate della qualità frattale di quel gaudio che lei ha tenuto e accarezzato con queste mani. L’istantaneità artificiale è l’intensità dell’immagine: godimento anzi proporzionale all’intensità dell’immagine e alla sua astrazione massima, vale a dire alla sua pura oggettualità, che ha, adesso che il visionatore-poeta condensa quell’analemma del gaudio con il suo fantasma, tutte le dimensioni (somatiche) dell’attante denegate, o non conosciute, il peso, il rilievo, il profumo, la profondità, il tempo, la continuità, il senso, l’erezione, il mondo, il pathos, insomma la sua forma segreta.

Che, se il visionatore è attento, è nelle linee della mano destra, la saturazione nello spostamento immobile del corpo è come se oltre che occupare i capoluoghi del piacere, il triangolo, tra la cosiddetta linea mensale e la Saturnina, o Solare che possa essere, indica questa ricolmatura posizionale: come nell’erotica sadiana, questa catalisi voluttuosa, o gaudiana, non riesce ad esaurire la combinatoria delle unità: “resta sempre un supplemento di richiesta, di desiderio, che si tenta illusoriamente di estinguere, sia ripetendo o permutando le figure(contabilità dei “colpi”), sia coronando l’operazione combinatoria(per definizione analitica) con un senso estatico di continuità, di copertura, di perfusione. Stiamo parlando di quella catalisi somatica di cui scrisse Barthes per Sade, che è una totalità esistenziale[v]: qui, dall’interno della mano, dal palmo, dalle linee palmari, la totalità esistenziale dell’attante-attrice è raggiungibile con l’inondazione: insomma le mani della catalisi somatica, il triangolo lineare, come un triangolo geodetico, un triangolo somatico per l’operazione combinatoria del poeta-visionatore: il triangolo e i tre capoluoghi di provincia e la mano, le mani, con cui, su questo corpo, tutto pesa, aderisce, passa, leva, immerge, verticalmente, orizzontalmente, fa la cadenza, attacca, lambisce, copre, perfonde. E’ come quello stadio erotico che è analogo, dice Barthes, al legato sublime della frase, che si chiama il fraseggiato, che, in quella che abbiamo chiamato la saturazione götata per la ragazza di Göteborg, dandole addirittura una concatenazione caratterologica: emotiva, attiva, secondaria, la combinazione del tipo “passionale”(EAS), che è il tipo ch riempie, colma, guarda, quello che si fa di più, una continuità sistematica, costante, incessante, quello che ha la cadenza persistente e prolungata, quello che rende, da questa surfusione, incessante il godimento, per condensarlo infine nel gaudio. Il poeta, specularmente, è in fase non-emotiva, attiva e secondaria, quando fa il visionatore: nEAS, che è la combinazione dei fattori del tipo “flemmatico”, il tipo che prova e testa, verifica e appura, non può che assodare la saturazione-götata, curarla, tenerla d’occhio, sorvegliarla, regolarla, timoniere o capovoga che vigila sul ritmo di voga, rivede l’armo e il palamento, tra il suo sguardo, la bocca e il triangolo della mano destra e la pelle mudronica della mano sinistra, disciplina la palata, governa la rotta. Il fraseggiato del gaudio. Del tocco agonistico di  quelle mani.

[i] Roland Barthes, Sade II, in: Idem, Sade, Fourier, Loyola, trad.it. Einaudi, Torino 1977: pag.115.

[ii] Roland Barthes, Ivi.

[iii] Jean Baudrillard, L’esotismo radicale, in: Idem, La Trasparenza del Male, trad.it. Sugarco edizioni, Milano 1991: pag. 163.

[iv] Cfr. V.S.Gaudio, La Ragazza di Göteborg, © 2007.

[v] Roland Barthes, trad.cit.:pag.117.

Diana e il Berg sibarita.

Mind Mischief
Tame Impala

L’allure un po’ bolsa dentro la finestra che fa gli amori e il Berg sibarita

Lì al banco della vecchia scuola
lei appollaiata sulla cattedra, dominante per miglia il mondo
e il sistema solare, il mio oggetto a immobile nel declino della vita,
giorno dopo giorno entra nella memoria,
e scrutando nel globo di cristallo
vede le figure del passato come in una processione riflessa
di un sogno splendente, che si muovevano attraverso l’incredibile
sfera del tempo; e ho visto lei lanciarsi verso un destino immortale
lungo il corridoio, con quell’allure come se fosse una cavalla bolsa
e insieme avesse il comando di grandi eserciti
riunendo insieme in un ditirambo rigeneratore
le epiche e falliche speranze del mio fantasma
essendo al tempo stesso Diana con scudi imperituri, frecce e spade
forgiate da Vulcano e dal mio spirito temprato in cielo.
Guardala come cammina! Vedi come non si affretta
verso il luogo dove il suo sentiero s’incontra
con il sentiero di un figlio di Pound e di Henry Miller.

O piccolo veneziano, attore per davvero, recitavi bene
la tua parte, potevi irrompere dentro la tragedia
più e più volte ti ho visto nel tuo oggetto a
camminare con lei fino a quell’autobus rosso spazioso
mentre i corvi gracchiando
volavano in direzione del bosco
sopra il tetto della tua casa
nei tramonti solenni,
con quel suo camminare lungo il corridoio
una mula come un ditirambo
che entra in un destino immortale
immobile passa al meridiano del tuo oggetto a
culmina dentro la finestra che fa gli amori:
una macchia luminosa che si sposta, che saltella,
a volte si ferma per un istante, come sovrappensiero,
e cola e poi si intrufola di nuovo, curiosa, spia
e palpa in una ricerca ostinata della sozzura
la sozzura! La sozzura! Domanda Gombrowicz
in questa grande fotografia nel corridoio della scuola
e nel cortile, anche nella piazzetta della stazione
questo corpo che cammina o che si è appena
abbandonata sul sedile con tutto il peso del suo pondus
la tua Diana che ruzza nei Campi Selvaggi
di quella scuola onorata con la sua allure col vento in poppa
o al giardinetto quel segreto gaudio
risuona come motivo del Berg
lasciando vedere tutto il lascivo sibaritismo
in cui Diana è rimasta incollata