The Green of This Notebook │John Divola

John Divola at Maccarone

 

John Divola at Maccarone

 

Artist: John Divola

Venue: Maccarone, New York

Exhibition Title: The Green of This Notebook

Date: May 9 – July 28, 2017

Click here to view slideshow

John Divola at Maccarone

 

 

 

John Divola at Maccarone

John Divola at Maccarone

Full gallery of images, press release and link available after the jump.

Images:

Images courtesy of the artist and Maccarone, NY/LA

Press Release:

The full title of this piece is “The Green of this Notebook.” The piece is based on Jean-Paul Sartre’s book “Being and Nothingness”. In this book Sartre attempts, in the abstract, to investigate the essential character of existence. In doing so he often refers to experiential illustrations. In the panels of my installation the images on the left are pages from Sartre’s book with the specific references highlighted. On the right are photographs that have been made to correspond to these references. For example, the highlighted text in the first panel on the left reads, “I am on a narrow path without a guard rail which goes along a precipice.” The panel on the right is my corresponding photographic image. This literal relationship of image and text continues throughout the installation.

Upon seeing that an artwork is based on Sartre’s “Being and Nothingness,” one might reasonably assume some level of pretense and pomposity. However, my interest with this project is really quite simple and not really that complicated. In the early 1940’s Sartre is in the process of examining what one can know and conclude about one’s own consciousness and its relationship to the reality within which it exists. He is examining the specifics of his experiences and making general (abstract) observations and conclusions. This particular text is selected because it is an extreme and ambitious case of moving from the specific to the general and because of the richness of Sartre’s supporting examples.

For me as an artist using photography, this relationship between the specific (indexical) nature of an individual photograph and its abstract reception as an image is central to my interest in the medium. I make photographic imprints from specific circumstances and I hope to bring these images into a dialog with abstract notions of iconography, social history, and individual expectations.

In Sartre’s project he often uses experiential examples. These examples are primarily visual but sometimes they deal with sound, tactility, or emotion. While Sartre’s general enterprise endeavors to be academic and “objective”, these illustrating examples cannot avoid the subjective. These are images and ideas that spring to mind. The specificities of Sartre’s context, Paris in the early 1940’s, are embedded in his examples.

I like to think of my project as an existential poetics embracing the elements outlined above. It is hopefully a poetics that address the essential nature of the photographic process. The project is based in an appreciation of the subjective and expressive power of the examples themselves and the specifics of Sartre’s context. It is also an index of my specific conditions and the circumstances of the West Coast of the United States in the late 1990’s.

John Divola

The Green of This Notebook, is John Divola’s second solo exhibition with Maccarone, on view from May 9th to July 28th, 2017 at 98 Morton Street location. His series “Abandoned Paintings” is now on view at the 2017 Whitney Biennial, Whitney Museum of American Art.

John Divola (b. 1949, Los Angeles) lives and works in California. His work has been featured in more than seventy solo exhibitions in the United States, Japan, Europe, Mexico, and Australia. The retrospective “John Divola: As Far As I Could Get” was held concurrently at Santa Barbara Museum of Art, the Pomona College Museum of Art and Los Angeles County Museum of Art in 2013. Since 1975, John Divola has been a professor of photography, since 1988 at the University of California, Riverside. Recent group exhibitions include Whitney Biennial 2017, “Autophoto,” Fondation Cartier pour l’art contemporain, Paris, France, “Los Angeles As Fiction,” Astrup Fearnley Museet, Olso, Norway, “California and the West,” San Francisco Museum of Modern Art, “The Sun Placed in the Abyss,” Columbus Museum of Art, “Still Life With Fish: Photography From the Collection,” Hammer Museum, Los Angeles, and “Ordinary Pictures,” Walker Art Center.

Link: John Divola at Maccarone

Annunci

MARIO LUNETTA▐ TELESIO E I SEX PISTOLS

Apprendiamo della scomparsa di Mario Lunetta( oggi 17 luglio 2017, da Stefano Lanuzza, Per Mario Lunetta, “Lunarionuovo” n.80, giugno-luglio 2017, appena pubblicato online da Daniela Saitta).In memoria, pubblichiamo 4 suoi testi,  tratti da La velocità della luce, che ci aveva mandato nel 1986 per la collana “Scrittura & Poesia” delle Collezioni di UH

 

Mario Lunetta

Telesio e i Sex Pistols

 

1

; mi chiedo, tra questi richiami balbuzienti di corvi

rimbalzanti contro un cielo di grigio gualcito taffettà

(di persiano tāfta, di malconcio gatto d’angora, agoràfobo

ed acre) se Telesio amasse la Tele(vi)sio(ne), in quei suoi

grami tempi gremiti di nulla o ben poco, culla di immagini

proterve, di minerve iperarmate e ultrasapienti, bocche

cucite, carogne arse. Tutto poi serve, efin – ti dici – :

anche le ceneri; anche un citrullo, grullissimo gioco di parole

disonorate, che ti richiama il giogo in cui siamo stretti,

poeareti, nel nostro tempo astronautico, meta copernicano,

ritmato magari da un qualcosa che può essere, mettiamo, Epistrophy

di Thelonious Monk, mitra a tracolla, monaco monco al pianoforte.

 

2

; la montagna ha un profilo noto, avvolta di capelli neri:

di colpo, in un vortice, in un network folgorante. Qualcuno

qui mi parla amabilmente, in alcune lingue non mie, tentando

di restituirmi la mia lingua perduta: e questa mia amara bocca

è muta, in uno scricchiolio di ossa macinate. Lontanissimo

il mare, non so dove si celebrano aprili festosi e disperate

fini d’anno. Cracovia jagellonica. Varsavia, Stare Miasto

sotto un dolcissimo rovescio di neve, dissoluzione della mente

a altissima temperatura: le corna rotte contro nere porte

di ferro. Eccomi cane, irrimediabilmente: topo infangato. Addosso

mi pesa, enfin, una privazione di troppo. Il dollaro cade,

inopinato miracolo. Nessuno nota la differenza (assai analogica)

che corre, immobile, inchiodata, tra cruauté e crudités: parbleu.

4

; il mondo è tenue: una bolla d’aria( o di sapone), se visto

da queste modestissime altitudini. Si sente che, in fondo,

ha bisogno soprattutto di molto pallore bistrato, delle

interrogazioni di uno sguardo nocciola, mentre ci si sfila

i guanti, le scarpe e il resto, in un’infernale umidità. Sotto

la pioggia le auto ai bordi della strada( rossa terracotta

di Barbakan, ragazze in pelliccia strette in atroci jeans rosa

smoking, magliette con la scritta Sex Pistols, come in una

sciarada, sotto un cielo di macabra lavagna) : e un’ombra che

sempre m’accompagna, solidissima, e mi precede, e m’invita.

le auto, dico, inclinate verso il mare, aria sofferente e un po’

medianica. Un cane bagnato dentro la rètina: sembra travestito

da pecora nera. La Volkswagen bianco latte: si potrebbe mangiarla,

con la mente a certe cattedrali del norditalia, a una squallida

birreria, a una voce nella nebbia, spezzata: mentre, enfin,

l’aerostato esplode di luci multicolori( “Beauté tahitienne,

n’est-ce-pas?”): e qui, di colpo, l’afrore del patchouli.

 

9

; fuori, una luce bianca di neve( e la neve accecante che copre

tutto): io leggo certe lettere del Tasso che toccano il fondo

di una disperazione che non si dà ragione delle sue cause

(perché, enfin, ragione non c’è – e forse cause neppure): ed è

  • sì che lo è – una prosa tra le più grandi e spregiudicate

che conosca ( pur nel groviglio dei suoi pregiudizi e delle sue

pregiudiziali), io che (ohimè) ho – anche per dovere diciamo

così professionale, lunga e esercitata esperienza di prosa

italiana( di pane & salame c’est-à-dire, pizza & ricotta e pizza

& fichi e tarallucci & vino: e assai più di rado pandispagna):

e la vestaglia è lì da un bel pezzo, da quanto non saprei dire:

magari in attesa( la cagna) che l’indossi per resuscitarla, nel

mentre che io muoio di lei, dentro di lei: perché – poco

da fare – ancora e sempre(comme on dit) le mort saisit le vif.

 

febbraio 1986

 

!da : Mario Lunetta, La velocità della luce

per le Collezioni di Uh 

»Scrittura & Poesia » edited by V.S.Gaudio & Marisa Aino

+

Roma, 16.5.86

Carissimo Gaudio,

ti mando le circa 30 cartelle richiestemi per un’eventuale plaquette.

Si tratta di 4 poemetti, dei quali è edito soltanto “Stagioni, Stages”

(nella antologia LA SVOLTA NARRATIVA DELLA POESIA ITALIANA,

a cura di G.Dego e L.Zaniboni, Edizioni Agielle, 1984).

Ti telefonerà presto Stefano Docimo per concordare con te la serata

di lettura ai “Magazzini Generali”.

Molti auguri di buon lavoro e un abbraccio dal tuo

Mario Lunetta

N.Dash at Fondazione Giuliani □

N. Dash at Fondazione Giuliani

 

N. Dash at Fondazione Giuliani

 

Artist: N. Dash

Venue: Fondazione Giuliani, Rome

Date: May 9 – July 14, 2017

Click here to view slideshow

N. Dash at Fondazione Giuliani

 

 

N. Dash at Fondazione Giuliani

Full gallery of images, press release and link available after the jump.

Images:

Images courtesy of Fondazione Giuliani, Rome

Press Release:

“The language [Arabic] is wonderful for Wanderwort*…

One morning in class, [he] taught the word for “mud brick.” In ancient hieroglyphs it was djebet, which became tobe in Coptic, and then the Arabs, adding a definite article, made it al-tuba, which was brought to Spain as adobar, and then to the American Southwest, where this heavy thing, having been lugged across four millennia and seven thousand miles, finally landed as “adobe.””

Peter Hessler’s Letter from Cairo in The New Yorker April 17, 2017

*Wanderwort
Etymology – borrowed from German Wanderwort, from Wander (“wandering) + Wort (“word”)
Noun – A loanword that has spread to many different languages

Link: N. Dash at Fondazione Giuliani

Capoverso 33.Rivista di scritture poetiche

Capoverso 33. Gennaio-giugno 2017 Orizzonti Meridionali by Alimena

 

□ E’ uscito il numero 33 di “Capoverso”, rivista di scritture poetiche, fondata da Carlo Cipprrone e edita a Cosenza da Alimena per Orizzonti Meridionali. L’editoriale è di Alessandro Gaudio: sulla poesia  che in Calabria non c’è. Tra i saggi, quello di Pietro Civitareale sulla poesia femminile:in questa prima parte, si va  da Margherita Guidacci a Maria Luisa Spaziani, ma manca Maria Luisa Belleli che, del trio, era…quella del sole nero dei poeti: a braccio, in una intervista degli anni settanta in quel di Torino, insegnava letteratura francese al Magistero, mi riempì il nastro deliziandomi quel pomeriggio sabaudo con Gérard De Nerval , Aurélia, la geometria di Butor, Baudelaire e Victor Hugo, Francis Ponge, Apollinaire, Ionesco; io, le domande, me le ero trascritte. Nei Testi, tre poesie di Olga Lasniuk, tradotta da Pawel Krupka; tre poesie del rumeno Nicolae Mares e tre poesie del polacco Milewski, entrambi tradotti sempre da Krupka. Che, negli Interventi, ci manda una Lettera da Atene con tre poeti greci tradotti per noi della Magna Grecia. In questa sezione, c’è anche una conversazione tra Giancarlo Pontiggia e Dall’Olio. E la divagazione ziffiana di V.S.Gaudio sulla poesia di Tonino Guerra. Tra le recensioni, desta interesse quella di Franco Dionesalvi, che è anche redattore della rivista, sul Mausoleum di Hans Magnus Enzensberger.

Capoverso 33. Gennaio-giugno 2017 Orizzonti Meridionali by Alimena

 

 

 

Quelle che la Bianca Deissi ▐ PAULA CREAMER

1.

oppure metti che all’improvviso la figura

entri in scena,

così, bianca deissi, annida una stasi esistenziale

diciamo che la luna in superficie ne boicotta i fantasmi

 

2.

oppure

mettiamo che l’arrotondi l’ansia blastocistica

di Ronald D. Laing,

come una spugna

o tondo capezzolo

palla o sineddoche o globo che rotea

3.

in là

il mare, l’oscurità, i gorghi della paura coriale

 

 

la paura coriale contiene

è suono del ventre

acqua o suolo che non è placenta

né albero

 

 

4.

qua

la figura o

è un cavallo bianco, la puledra del brivido

che tocca terra dentro l’utero vortica

è scatola

è arca

cigno o scrigno

è blastula

da cui il tatto sospende immagini

sinestesia che annida radici, tronco e

cordone nel grembo

ove il vento tocca il seno del mare

Bianca deissi o è un cavallo bianco, la figura

│Torino, 11 maggio 1978

Il poemetto è stato pubblicato per la prima volta in “Fermenti” nn.183-184, Roma gennaio-febbraio 1987 □