L’andare e il ritornare del volo.

L’andare e il ritornare del volo ⁞ José Bolado & V.S.Gaudio

Se  è l’aria nella soavità del sogno

o del fantasma, se è l’anima che

tra il pelo e la porta, tu stessa dicevi

che in quel volo con dentro il suono

dell’acqua sopra i vetri  o sui campi

tra ombre e lampi e slanci o colori

starò adesso su questo punto tiepido

giallo che più non cuce il mattino

e l’alba alla notte che non combina

l’andare e il ritornare del volo

nello spazio dei rilevamenti

la prossemica dell’interazione

della parola o la carezza che più

dolce ancora sia nel farsi schema

verbale o epiteto-archetipo nel

puntellare i muri della vecchia casa

se ti toccherò parlami dolce

con la soavità dell’aria o del volo

in questo cielo prima che vengaimage001.png

la vendetta di un poeta che

se te ne fossi volata via

me ne sarei andato anch’io

giunti a questo punto lieve

blu che non parla dolce sempre

che tu ti appoggi ritornando nel volo

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...