La luna ⁞ Aurélia Steiner a Praha la chiama “Justrusa”

Aurélia Steiner che sta a Praga e la macchina fotografica della Zangheri

 

di v.s. gaudio

 

⁞ photo by alessandro gaudio
Praga ⁞ © alessandro gaudio

Aurélia Steiner che sta a Praga

non è boema, la luna lei la chiama “Justrusa”

anche quando la indica nell’orologio astronomico,

che per lei è “’U cuncutrillu”,

Aurélia Steiner sta qui, aspetta la sera,

sta’mbruna, dice, fa stáfice

e quando attraversa la città lei passa di strìttuwa in strìttuwa,

un po’ di schipìciu,

in autunno quando compra caldarroste,

chiede “’i pruppituse du ruffu”[i].

 

 

Il cielo non è umano, ma c’è qualcosa forse più di questo cielo,

che non è il quadrante al neon del campanile della Città Nuova,

è quando le zingare oscurano il mondo con le gonne

e quando il poeta si guarda di nuovo intorno

le zingare stanno sedute accanto a lui una di qua e una di là,

di fronte a lui a gambe larghe sta lo zingaro

con la macchina fotografica nelle dita,

gli occhiali neri contro il sole guardano nel mirino della macchina

e le zingare si stringono a lui e guardano l’obbiettivo,

e poi lo zingaro che è il visionatore di Morin col palmo alzato

richiama anche l’attenzione del poeta e lui guarda la macchina

con quel sorriso spasmodico che hanno solo i poeti

e poi sente lo scatto della macchina

che non aveva mai avuto nelle sue viscere la pellicola,

così che il poeta comprenda che al mondo non dipende

proprio nulla da come le cose finiscono, ma tutto è soltanto

desiderio, volere e anelito, come quando a Bologna la Zangheri,

per essere speculare allo zingaro di Hrabal,

nello stesso tempo in cui lui ne stava scrivendo

l’assolutezza anonima faceva il ritratto inesistente del poeta

con un’altra macchina fotografica in cui c’era la pellicola fantasmata,

Praga ⁞ © alessandro gaudio

dentro una galleria d’arte , fuori il cielo inumano sopra Bologna

e sotto nelle cloache e nelle fogne

scorreva tra acque di scarico e materie fecali

la neve di quel febbraio

così segreto, così rumoroso e così solo

 

Aurélia Steiner, questa quadarara che sta qui a Praga,

questa minéca che chiama “cuncutrillu” l’orloj,

in una stanza vicino al Convento di Sant’Agnese di Boemia,

guarda l’imbarco battelli che c’è in Náměstí Curieových.

 

E’ ritornata nella sua camera per scrivere al poeta.

Ha chiuso porte e finestre.

 

Sono le tre del pomeriggio.

 

Dietro la Vltava c’è il sole, il tempo è fresco.

 

Io sono qui in questa grande sala in cui faccio stáfice[ii].

Oltre la scursénta[iii], c’è il fiume.

 

E tu dove sei ?

 

Ti sei perduto?

 

Ti sei perduto tanto che io grido che ho paura?

 

i“Le castagne del fuoco”, in ammâšcânte; “strittuwa” è “strada”,”vicolo”; “schipìciu” è “sghembo”, “obliquo”, con quel taglio, una certa diagonalità di movimento o del portamento, che richiama l’apposizione di prima ,“’nteccata”, che è “delinquente”, che viene da ‘nteccare, che è “tagliare”, “incidere”, la “‘nteccata strocca” riflette in qualche modo un taglio maledetto, puttanesco, un segno, una piega, anche comportamentale o gestuale che è la parte maledetta di Aurélia Steiner. Per la lingua nascosta dei quadarari  e anche per l’utile dizionario Italiano-Ammâšcânte e Ammâšcânte-Italiano annesso, cfr. John Trumper, Una lingua nascosta, Rubbettino editore, Soveria Mannelli 1992.

ii “sto”.

iii “finestra”.

 

► da:

 La Caggiurra di Praha

 Aurélia Stuart Steiner alias Furgiulia Cuticchjùna

La Stimmung-ammašcânte con Bohumil Hrabal 

sulla morte della letteratura

© 2009

 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...