V.S.Gaudio play Norma – Joan

La notte di Joan-Éponine

“Non c’è nulla di umano che non serva da trappola per tutti gli uomini: non possiamo fare in modo che ciascuno dei nostri pensieri non ci adeschi , non sia là, se ne abbiamo qualche memoria, per darci ben presto modo di ridere”(Georges Bataille, L’attesa, in:  Idem, L’Abbé C., Les Editions de Minuit, Paris 1950): tra le braccia di Éponine, come se le nostre grida più grandi possano essere esse stesse promesse a questo piacere esasperato, e ugualmente chi non  le ode queste grida non ha per molto il gusto di essere ansioso, e chi grida si stupirà di aver gridato, solo i tiepidi hanno detto, o erano i casti?, che l’abitudine smussa i sensi: “è proprio il contrario, il piacere come la pittura o la musica esige l’irregolarità continua”(Georges Bataille, ibidem): Éponine-Joan , immaginandola, si fa lirica e pronuncia parole che nella sua bocca hanno una strana sonorità, e allora si dà, giunge a uno stato di lubricità tale che il poeta incomincia a perdere la testa, e fin tanto che la notte dura le dice che quella notte, lei l’aspettava, era proprio la sua notte.

                                                    Fonte: passionparty

#norma#joan#poet-sound#v.s.gaudio#passionparty#éponine

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...