La comunicazione manipolatoria in “Pornografia” di Witold Gombrowicz

by V.S.GAUDIO ● La copertina di “Pornografia” della II edizione Bompiani del 1962 La comunicazione manipolatoria della coppia simmetrica adulta Le strategie comunicative governate da ricorrenze costanti attengono innanzitutto a una metaregola: le regole riguardanti le relazioni e i modi specifici di comunicazione caratterizzano i rapporti diadici, più che gli individui. Rileva la Mizzau che la discriminante più netta è relativa al potere interpersonale : “le modalità comunicative tra i membri delle diadi sono diverse a seconda che queste siano livellate o dislivellate(simmetriche o asimmetriche), a seconda cioè che i due membri della coppia agiscano a un livello di parità o di disparità” . Caratteristica delle coppie asimmetriche è una comunicazione manipolatoria, o seduttiva: nel caso di Pornografia,le coppie asimmetriche sono rappresentate dalle due diadi di base: la diade dello stato Adulto, che è, nella sua relazione implicita, di natura simmetrica e con l’utilizzazione delle diverse forme di implicito, crea complicità, rinforza patti, collusioni, veicola surrettiziamente assurdi ideologici, non detti, evocati dal detto: è costituita dall’autore e da Federico; la diade dello stato Adolescente, che è asimmetrica rispetto alla prima, visto il dislivello anagrafico, è costituita da Enrichetta e da Carlo e, modalità innovativa qui nel romanzo di Gombrowicz, è la diade che-insieme- dovrà cedere sessualmente o piuttosto dovrà desiderare di farlo o quanto meno ammettere questo desiderio. La coppia simmetrica Adulta, che sono i due registi dell’intrigo,con tutto un tipo di comunicazione per impliciti, dovrà, dalla situazione iniziale attraverso la complicazione, far sì che alla conclusione del romanzo, sia implicito che l’altra coppia simmetrica abbia ceduto alla manovra manipolatoria della prima. La seduzione, sia in un romanzo-tipo come quello analizzato dalla Mizzau , sia in un romanzo atipico come Pornografia, verte sulla connessione stretta tra ostacolo e desiderio: solo che qui non è fondata la concezione del processo amoroso né sul soggetto né sulla relazione; l’ostacolo, pertanto, non è trovato consapevolmente da nessuno della coppia simmetrica deputata alla relazione: l’ostacolo, che è il fidanzato ufficiale di Enrichetta, viene superato o abbattuto dall’altra coppia simmetrica, che è asimmetrica rispetto a quella dei giovani, e perciò seduttiva affinché la coppia sedotta sappia finalmente quel che sta avvenendo e soccombere, cioè dare atto alla relazione sessuale, coscientemente. L’indicibilità dell’amore e la parte maledetta della giovinezza Se il fine della diade seduttiva deve essere coperto almeno fino alla fase della risoluzione, e perciò le intenzioni vanno debitamente mascherate, la sollecitazione al cambiamento, affinché non produca uno stato di disagio e induca una relativa resistenza, verrà fatta sottentrare con l’inserimento di un’altra coppia ma questa volta composta da individui asimmetrici; in Pornografia, ciò avviene in modo parallelo, la madre[adulta] di Alberto, che è il fidanzato ufficiale di Enrichetta, viene uccisa da un altro ragazzo, complicazione che è parallela alla tecnica manipolatoria della coppia adulta base, in modo che la coppia simmetrica dei ragazzi deputata alla seduzione agisca di propria iniziativa, uccidendo un adulto e, quasi fisiologicamente, l’ostacolo a che la loro seduzione vada in atto. Risoluzione che addirittura va oltre le prospettive relazionali presupposte dalla coppia manipolatrice: tra diffidenze e astuzie, ritorsioni, preterizioni, concessioni, pseudoargomentazioni, trappole, strategie dell’obliquità, quello che passa e non appare è la parte maledetta, che, in un gioco come I Show up for You people Adults, è talmente al livello dell’apparenza che è costantemente invisibile. La parte maledetta, che è fisiologica nella giovinezza, è quel senso ottuso che c’è in un programma in cui non c’è posto per l’amore, e forse nemmeno per il piacere: qui non si tratta dell’apparenza virtuosa sul piano pubblico e della realtà dissoluta sul piano privato di Mme de Merteuil, ma di una sorta di sentimento di sé fisiologico che, in un personaggio giovane, le dà sempre quell’aria un po’ niaise e un po’ radicalmente ottusa , che è paradigma quasi somatico della sentimentale infinitista. Che ha, tra gli impliciti e i non detti, che siano sottintesi,allusioni, omissioni, presupposizioni tendenziose, sempre un qualcosa che è un indicatore intenzionale,cioè un connotatore ridotto allo stato di indicazione che può significare soltanto l’ intenzione significante, e quindi l’ esibizione dell’attributo connotato : che, essendo segno verbale e non verbale, viene a significarsi come punctum, quel qualcosa che trapela nel messaggio stesso e ne investe il significato, tanto che l’autore non possa non esclamare sedotto “Però, la briccona!” . Perché è questo che c’è tra livello dell’essere e livello dell’apparire, una infrazione dell’ordine,che, rendendo possibile la storia, mette in scena l’ indicibilità dell’amore: l’amore, in Pornografia, si dice solo per ciò che non è, che non è tanto nel suo opposto, come negazione o perdita, ostacolo, gelosia, rivalità,morte, o nei suoi limiti tra matrimonio e consuetudine, istituzioni e regole del sociale. Il non detto è tutto nel silenzio dell’istante, in tutto quel disastro, in cui “loro due e noi due ci guardammo negli occhi”: l’indicatore intenzionale – che finalmente è lo sguardo che unifica le due coppie, quella manipolatoria e quella manipolata – fa luce sul non detto, su quello che resta senza risposta ma che è già stato scritto, prima nel copione di Enrichetta, poi nel suo gioco, e che si rivela nel suo test, in cui, essendo una “sentimentale infinitista”,lancia ora una sfida al lettore dopo aver manipolato e sedotto l’autore. Perché, come in Laclos, anche in Gombrowicz i modi della comunicazione tra i personaggi sono omologhi a quelli della comunicazione tra lettore e narratore. Il quale, sembra ripropone al lettore “gli stessi giochi, le stesse sfide che i personaggi si lanciano tra loro. Per far fronte a queste sfide, per individuare il codice di soluzione, chi legge deve cercarlo appunto in questo parallelismo: deve scoprire le analogie tra i giochi ambigui di copertura della propria identità che svolgono i protagonisti del racconto, e lo stesso gioco che fa il narratore; tra il rapporto di potere che intercorre tra personaggi e il rapporto di soggezione che l’autore cerca di stabilire attraverso l’enigma del testo” . La prospettiva relazionale di una sentimentale infinitista ha sempre un attraversamento tra autoinganno e disamore, ed è per questa ragione comportamentale che la conflittualità nella coppia è spesso espressa in modo obliquo, indiretto, attraverso pretesti, impliciti, non detti e semidetti, “che ha la funzione, per chi parla, di richiedere senza mettersi a rischio, o di colpire in modo che l’atto appaia casuale e le conseguenze siano evitate” . La comunicazione obliqua della sentimentale dissoluta La comunicazione obliqua è d’altra parte naturale nella dissolutezza, in cui il Bambino è programmato dal Genitore : come la trama svela, Henia, in quanto sentimentale dissoluta, partecipa all’omicidio di Siemian, ordinato da suo padre Hipolit. Ed è da questa disposizione del Genitore che il Bambino –così programmato in Henia- trova nel diagramma di relazione sulla linea simmetrica 9(B-B) la connessione come compagna di gioco con Karol e sulle due linee asimmetriche 3 (G-B) e 6 (A-B) la messa in atto del copione “Fallo!”, in cui l ‘ ISUFYPA è più che altro un gioco “pararapo” di 3° grado in cui la raccolta punti per l’album inerente lo script di Henia è fatta con figurine di “Buoni adulti” eliminati per “Buoni adulti” affascinati: così riempito l’album non dà come compenso prodotti del gioco “Ti voglio bene, ma un giorno o l’altro finirai male” o “Guarda cosa mi hai fatto fare”(ossia: “Mi hai fatto perdere la mia verginità”, “Mi hai messo incinta”, “Io non volevo, e tu mi hai violentata”) ma prodotti sublimati del gioco “Pistola giocattolo”(che qui è semanticamente il coltello), che è giocato di solito da persone che fingono di essere degli adulti ma in realtà sono dei bambini precoci: così l’erotismo polacco, come semivalore dell’alta pubertà, è questa mobilità inquieta a zig zag del Carro, che è in realtà condotto da bambini precoci che fingono di essere adulti: Henia non dice “Veramente non ero pronta” e Karol non pronuncia “In realtà non posso spingere fino in fondo”; il Genitore non avverte: “Attento a non essere tanto stupido da credere che la pistola sia autentica”. Alla fine scopriamo che questo gioco sessuale, in cui viene decantato l’erotismo polacco come semivalore, ricalca lo schema della variante “Facciamo soffrire il fidanzato”, nel senso che nella versione dell’erotismo polacco si chiama “L’impiccato”. La comunicazione obliqua di Enrichetta è fatta di silenzio, “che non è antitetico al messaggio ma è esso stesso comunicazione. Contestualmente regolato, definito dalle situazioni, dai luoghi, dai momenti, obbligato in alcune circostanze, sanzionato in altre, il silenzio, là dove dovrebbero esserci parole, si fa sentire” . E si fa sentire in ragione e in presenza dell’ostacolo quando il desiderio identificandosi con esso finisce col far sentire i sentimenti che il personaggio(Enrichetta ) sta fingendo. Il silenzio e il terzo, nella triangolazione comunicativa è qui Federico con l’autore, definiscono, illuminando l’elemento della coppia che si intende colpire, il target, tanto che entrambi agiscono dissolvendo la coppia ufficiale e formando la nuova coppia: il “target”, che è Alberto, è colpito dal “silenzio”, ovvero dalla “comunicazione obliqua” di Enrichetta, e dalla parola del “terzo”, che, quando si ricostituisce come messaggio non verbale, non potendo essere parola anonima si mostra in scena incontrollabile e ineffabile,come una chiacchiera, un pettegolezzo, una maldicenza, che è reso proiettile come segreto visibile. v.s.gaudio (da: Feminae semipondus.La semidissertazione su “Pornografia”© 2007)

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...